Il governatore della Pennsylvania Tom Wolf, al suo secondo mandato, ha aperto la porta alla legalizzazione della cannabis ricreativa. Wolf che era un oppositore della regolazione dell’uso per la cannabis per gli adulti, ci ha quindi ripensato ed ha annunciato l’avvio di una fase di consultazione pubblica che coinvolgerà le municipalità. Un simile tour, durante il suo primo mandato si è rivelato prezioso per assumere decisioni rispetto all’epidemia di oppioidi, ha dichiarato il governatore. Il vice Governatore John Fetterman, un sostenitore della legalizzazione dell’uso ricreativo, terrà quindi una serie di sessioni di ascolto in ciascuna delle 67 contee dello stato nei prossimi mesi.

L’apertura del dibattito in Pennsylvania, uno degli stati più popolosi degli USA con oltre 12 milioni di abitanti, conferma come l’opzione della regolazione stia prendendo piede anche nel nordest del paese, dopo le prese di posizione di New York, New Jersey e più recentemente Rhode Island. Già definito, per la sua posizione geografica Keystone State, la Pennsylvania potrebbe in effetti diventare la chiave di volta sulla costa ovest degli USA. Nel 2016 Wolf ha firmato la legge sulla marijuana medica e ha supervisionato il lancio del programma che ha visto una forte crescita. Tanto che a dicembre, lo stato ha dichiarato che avrebbe emesso ulteriori 23 permessi per produrre Cannabis terapeutica. Il mercato ricreativo potrebbe valere oltre 1 miliardo di dollari l’anno.

La volontà del Governatore potrebbe però scontrarsi con il parlamento locale, controllato dai Repubblicani. Anche se nel recente passato è stato approvato a larghissima maggioranza il programma per la cannabis terapeutica, si aspettano maggiori resistenze rispetto all’uso ricreativo. Proprio il mese scorso, il leader della maggioranza al Senato Jake Corman ha definitio la cannabis come una “droga di accesso“. Vedremo se il giro di consultazione confermerà un sostegno popolare alla proposta regolatoria, e se nel caso i legislatori accoglieranno o meno la volontà popolare.