Gina RaimondoLa regolamentazione legale della cannabis sta dilagando a macchia d’olio negli Stati Uniti. L’ultimo annuncio arriva dalla Governatrice del Rhode Island, la democratica Gina Raimondo, rimasta a lungo riluttante sulla questione, che ha annunciato che proporrà questa settimana, nella sessione di bilancio, la fine della proibizione della cannabis nel più piccolo degli stati federati.

“Le cose sono cambiate, principalmente perché tutti i nostri vicini stanno andando avanti”, ha detto al Providence Journal in un articolo pubblicato domenica scorsa. “Non siamo un’isola, infatti. Piaccia o no, implementermo le spese per la sicurezza e la salute pubblica visto che è legale in Massachusetts… E penso che sia tempo di mettere insieme il nostro quadro normativo e di tassazione”. Anche il nuovo Governatore del Connecticut, Ned Lamont (D), ha affermato che legalizzare la marijuana nel suo stato sarà tra le sue “priorità” per la nuova legislatura, rendendo così completo l’accerchiamento del piccolo stato del New England.

Raimondo è intenzionata a proibire la coltivazione domestica della cannabis. Vuole anche vietare prodotti ad alta potenza, mentre gli edibili non potranno contenere più di 5 milligrammi di THC. Raimondo ha detto di aver parlato con molti altri governatori sulla politica della marijuana in una conferenza il mese scorso. “Sarà il quadro normativo più forte del Paese”, ha affermato, come riporta Marijuana Moment.

“Abbiamo visto le insidie della coltivazione domestica in altri stati per quello che riguarda la salute pubblica e la sicurezza pubblica”, ha dichiarato al Providence Journal Norman Birenbaum, il responsabile dell’ente regolatore per la cannabis medica e consulente chiave di Raimondo. “Come promuove il mercato illecito. Come influisce negativamente sul mercato regolamentato, come mette il prodotto non sicuro e non testato e non regolamentato disponibile per le persone. E come serve anche come copertura per gli stati che presumibilmente hanno un uso da parte degli adulti per esportare stati ed esportare nel resto del paese. E non pensiamo che dovremmo avere questo meccanismo meccanismo qui.” Ai pazienti di cannabis medica sarebbe ancora permesso di coltivare la propria medicina, ha comunque precisato. Attualmente solo lo Stato di Washington, fra i dieci stati che hanno legalizzato la cannabis, non consente ai consumatori di marijuana ricreativa di coltivare il proprio prodotto.