L’uso della cannabis durante l’adolescenza non è associato a differenze strutturali del cervello in età adulta, secondo i dati longitudinali pubblicati sulla rivista Drug and Alcohol Dependence.

Gli studiosi dell’Arizona State University e dell’Università di Pittsburgh hanno valutato l’impatto dell’esposizione adolescenziale alla cannabis sulla morfologia cerebrale in età adulta. I ricercatori hanno monitorato diversi modelli di utilizzo da parte degli adolescenti secondo quattro traiettorie di consumo – da nessun uso di cannabis (definito come quattro giorni di utilizzo o meno) a un uso intenso (definito, in media, 782 giorni di utilizzo) – in una coorte di 1.000 ragazzi adolescenti. Un sottogruppo di partecipanti è stato successivamente sottoposto a imaging cerebrale strutturale in età adulta (tra i 30 ei 36 anni). Gli scienziati hanno esaminato 14 regioni cerebrali di interesse, tra cui l’amigdala e l’ippocampo.

Gli autori hanno riferito: “Abbiamo scoperto che l’uso di cannabis da parte degli adolescenti non era associato ad una diversa struttura cerebrale adulta in un campione di ragazzi seguito prospetticamente all’età adulta“. I ricercatori hanno aggiunto: “I ragazzi sono stati classificati in uno dei quattro prototipi di sottogruppi di traiettoria di consumo di cannabis adolescenziale basati su valutazioni prospettiche della frequenza di utilizzo della cannabis dai 13 ai 19 anni: uso non frequente / nessun uso, uso desistente, uso crescente, o uso cronico relativamente frequente. .. Non abbiamo riscontrato differenze nella struttura del cervello da adulti per i ragazzi nei diversi sottogruppi di traiettorie di consumo di cannabis in adolescenza. Anche i ragazzi con il più alto livello di esposizione alla cannabis nell’adolescenza hanno mostrato volumi cerebrali subcorticali e volumi cerebrali corticali e spessore nell’età adulta simili ai ragazzi con quasi nessuna esposizione alla cannabis durante l’adolescenza“.

Hanno concluso, “[I] modelli di consumo di cannabis che si vedono in genere negli adolescenti residenti nella comunità non sembrano avere effetti duraturi sulla struttura del cervello“.

I risultati sono coerenti con quelli di numerosi precedenti studi di imaging del cervello, come quelli riportati anche su queste pagine. Una recente meta-analisi pubblicata sulla rivista JAMA Psychiatry ha riferito in modo simile che l’esposizione alla cannabis giovanile non sembra essere associata a deficit cognitivi sostenuti in età adulta.

Commentando il nuovo studio, Mitch Earleywine, membro del comitato consultivo di NORML, professore di psicologia presso la State University di New York ad Albany, ha dichiarato: “Questi dati replicano i lavori precedenti per rivelare che anche alcuni degli utenti più frequenti di cannabis non mostrano cambiamenti nella struttura del cervello. Le misure sono molto sensibili e i ricercatori hanno esaminato tutto il cervello molto attentamente. Speriamo che questi risultati mitighino alcune delle grida allarmistiche che troppo spesso persistono e dominano la narrazione“.

[Fonte NORML]