L’avvio di normative che regolano la vendita al dettaglio della cannabis agli adulti non è associata a cambiamenti nell’atteggiamento dei giovani nei confronti della sostanza o nel loro uso della pianta, secondo i dati pubblicati sull’International Journal of Drug Policy.

Un team internazionale di ricercatori provenienti da Uruguay, Stati Uniti e Cile ha valutato l’impatto delle politiche di legalizzazione sui modelli di utilizzo dei giovani. L’Uruguay ha inizialmente approvato la legislazione che regola l’uso della cannabis da parte degli adulti nel 2013, anche se le vendite al dettaglio nelle farmacie autorizzate non sono iniziate fino al 2017.

Gli autori non hanno trovato “nessuna prova” per indicare che la legalizzazione sia associata ad un qualsiasi impatto sul “consumo di cannabis da parte dei giovani o sul rischio di uso percepito“.

Hanno concluso: “Le nostre scoperte forniscono un po’ di supporto alla tesi secondo cui l’approccio regolatorio statale dell’Uruguay alla fornitura di cannabis potrebbe minimizzare l’impatto della legalizzazione sull’uso di cannabis da parte degli adolescenti“.

Secondo la legge, le vendite di cannabis sono limitate a coloro che hanno compiuto 18 anni e che si registrano in un apposito elenco gestito dall’IRCCA. I prodotti a base di cannabis disponibili in commercio possono essere prodotti solo da entità autorizzate dallo stato e venduti in farmacie appositamente autorizzate. I livelli di THC sono limitati dai regolatori e il prezzo è sotto controllo governativo ($ 1,30 al grammo). La coltivazione domestica limitata è consentita anche nelle abitazioni private.

[Fonte NORML]