This post is also available in: enEnglish (Inglese)

Il 26 giugno, l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) ha presentato ufficialmente il Rapporto mondiale sulle droghe del 2020, dimostrando ancora una volta che i mercati illegali delle droghe stanno prosperando a livello globale, nonostante le continue e severe misure repressive e dannose di “law enforcement”. Questi tragici fallimenti politici e il loro impatto devastante sui diritti umani sono quasi del tutto assenti dal rapporto. L’International Drug Policy Consortium (IDPC), una rete globale di oltre 195 ONG, rileva con preoccupazione che l’UNODC non è ancora in grado di riconoscere il fallimento di decenni di politiche sulla droga basate su proibizione e punizione e su come questi approcci alimentano le violazioni sistematiche dei diritti umani come il razzismo, la violenza della polizia e campagne di uccisione sponsorizzate dallo stato.

Il Rapporto mondiale sulle droghe del 2020 evidenzia la crescente complessità e l’espansione del mercato della droga, con la coltivazione e la produzione che rimangono su livelli record. Il numero di persone che fanno uso di droghe illegali ha raggiunto 269 milioni nel 2018, con un aumento del 30% dal 2009. Fondamentalmente, solo una persona su otto con problemi di tossicodipendenza ha avuto accesso a un adeguato trattamento farmacologico e il numero di decessi correlati alla droga registrati nel 2017 è stato 585.000. Più della metà di questi decessi è prevenibile, poiché derivano da overdose e epatite C non trattata

La relazione di quest’anno include un’attenzione particolare alle popolazioni emarginate e osserva che lo stigma, la discriminazione e l’esclusione sociale sono i veri motori dei danni legati al consumo di droghe. Tuttavia, l’UNODC fallisce ciecamente nel riconoscere che sono proprio le politiche punitive come la criminalizzazione del possesso di droga per uso personale, che alimentano lo stigma e l’esclusione, stabilendo barriere quasi insormontabili per l’accesso all’assistenza sanitaria e minando la sicurezza personale e le opportunità di vita. Ciò nonostante una recente posizione di “consensus” in tutto il sistema delle Nazioni Unite che promuove la depenalizzazione dell’uso e del possesso di droghe per consumo personale.

La quasi totale mancanza di riferimento alle gravi e continue violazioni dei diritti umani relative al sistema di controllo delle droghe nella relazione è profondamente preoccupante. Il sistema di controllo delle droghe determina l’incarcerazione di massa in tutto il mondo con 1 persona su 5 incarcerata per reati di droga, in gran parte minori. Anche il numero di omicidi extragiudiziali e arbitrari commessi nei confronti di coloro che sono sospettati di essere coinvolti nelle droghe è aumentato costantemente negli ultimi anni con stime di oltre 27.000 morti di questo tipo nelle sole Filippine. L’uso della pena di morte, il trattamento farmacologico forzato, gli arresti e la detenzione arbitrari, la brutalità della polizia e l’impatto sproporzionato di queste risposte sulle comunità di colore sono tutti irrilevanti nel rapporto.

Ann Fordham, direttrice esecutiva dell’IDPC, ha dichiarato: “Nonostante alcuni positivi progressi nell’ampliare la narrativa del World Drug Report per includere una maggiore menzione delle comunità emarginate, l’omissione intenzionale dell’UNODC di qualsiasi analisi dell’inasprirsi degli impatti sui diritti umani delle misure repressive di controllo della droga è indifendibile. Proprio la scorsa settimana, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha messo in luce il razzismo sistemico e la repressione. Ci sono prove schiaccianti che le leggi sulle droghe hanno armato le forze dell’ordine in tutto il mondo contro le comunità emarginate a causa dell’etnia e della povertà.