Per decenni, le leggi sulla marijuana sono state utilizzate per criminalizzare i neri, gli ispanici e gli americani di provenienza sud-asiatica, sprecare denaro dei contribuenti e alimentare la detenzione di massa. Tuttavia, gli stati di tutto il paese stanno facendo passi da gigante per riformare queste politiche obsolete e dannose. Undici stati e il Distretto di Columbia hanno legalizzato la marijuana e 18 stati hanno depenalizzato, il che significa che hanno rimosso alcune delle sanzioni penali per il possesso di piccole quantità. Queste riforme sono guidate in gran parte dalla volontà popolare. Due americani su tre – più che mai – ora sostengono la legalizzazione della marijuana.

La legalizzazione è ancora la risposta, ma non è sufficiente. Le disparità su base etnica negli arresti persistono a livello nazionale e non sono migliorate negli ultimi anni, mentre gli arresti globali di marijuana sono ancora diffusi. Per indagare su queste tendenze, analizziamo i dati nel nostro nuovo rapporto, “Un racconto di due paesi: arresti su base etnica nell’era della riforma della marijuana” insieme a un nuovo visualizzatore di dati interattivi che mette in luce le statistiche fino allo stato e alla contea. Ecco cosa abbiamo trovato:

La guerra nazionale alla marijuana infuria

Mentre gli arresti totali per marijuana sono diminuiti a livello nazionale dal 2010, il tasso di declino ha ristagnato e, negli ultimi anni, si è addirittura invertito al rialzo nonostante i movimenti di riforma popolari. Gli arresti per marijuana sono ancora diffusi a livello nazionale, costituendo il 43% di tutti gli arresti per droga – più di qualsiasi altra droga. La stragrande maggioranza di questi arresti – nove su 10 – sono per possesso.

Questi sono più che semplici numeri. L’impatto personale degli arresti di marijuana può essere devastante. In molti stati, un arresto per marijuana può comportare conseguenze collaterali che cambiano la vita: i genitori possono perdere i loro figli in procedimenti giudiziari; i beneficiari di prestazioni pubbliche, disabili o con basso reddito, possono perdere l’assistenza sanitaria; gli immigrati possono affrontare la deportazione; le famiglie possono essere sfrattate dalle case popolari; trovare un lavoro può essere difficile e assolutamente impossibile in alcuni casi. A causa del razzismo nel nostro sistema di giustizia penale, le comunità di neri, ispanici e sud asiatici affrontano in modo sproporzionato queste ripercussioni dannose.

Ci sono meno arresti negli stati che legalizzano o depenalizzano la marijuana

Nel complesso, il rilassamento delle leggi sulla marijuana, sia per legalizzazione che per depenalizzazione, coincide con tassi di arresto medio inferiori sia per le vendite che per il possesso. Gli stati che hanno legalizzato o depenalizzato la marijuana hanno visto meno arresti permarijuana dal 2010 al 2018 (negli stati legalizzati, puoi ancora essere arrestato per possesso di una certa quantità di marijuana, vendita di marijuana, uso di marijuana in luoghi proibiti o possesso da parte di minorenni). Nel frattempo, gli stati in cui la marijuana rimane completamente illegale hanno tassi di arresto più elevati.

Gli stati dove è legale avevano i tassi di arresto più bassi di tutti, ma l’impatto varia a seconda della giurisdizione. In alcuni stati, come il Maine, gli arresti sono chiaramente diminuiti dopo la legalizzazione. In altri, come la California, gli arresti non sono cambiati o hanno semplicemente seguito una tendenza al ribasso iniziata prima della legalizzazione.

Anche gli stati che hanno depenalizzato hanno visto una diminuzione degli arresti di marijuana, sebbene i tassi di arresti fossero circa otto volte più alti rispetto agli stati dove è legale. Anche i dati per gli stati dove vige la depenalizzazione variano significativamente in tutto il paese. Nel Missouri, ad esempio, gli arresti sono effettivamente aumentati dopo la decriminalizzazione. L’impatto della depenalizzazione sui tassi di arresto rimane incerto.

Non è inoltre chiaro se la legalizzazione o la depenalizzazione della marijuana abbiano un impatto diretto sui tassi di arresto per altre droghe – in alcuni stati, gli altri arresti per droga sono diminuiti a un ritmo simile, mentre in altri stati, gli arresti per altre droghe sono aumentati dopo la legalizzazione della marijuana.

Le grandi disparità etniche negli arresti di marijuana persistono, anche negli stati legalizzati o depenalizzati

Le politiche della War on Drugs prendono di mira in modo sproporzionato le persone di colore e in particolare i neri, e le leggi sulla marijuana ne sono un ottimo esempio. La prova è nei dati: a livello nazionale, i neri hanno una probabilità 3,6 volte maggiore rispetto ai bianchi di essere arrestati per marijuana, nonostante tassi di utilizzo simili. È all’incirca lo stesso tasso di disparità esistente sette anni fa, quando abbiamo pubblicato la prima versione di questo rapporto, “La guerra alla marijuana in bianco e nero“. In effetti, dal 2010 le disparità etniche sono effettivamente peggiorate in 31 stati.

Le disparità razziali variano in gravità tra gli stati. Il Colorado ha la disparità più bassa, a 1,5, mentre in Montana, Kentucky, Illinois, West Virginia e Iowa, i neri hanno più di sette volte più probabilità di essere arrestati per marijuana rispetto ai bianchi. Tuttavia, accomuna tutti gli stati – che la cannabis sia legalizzata, depenalizzata o illegale – il fatto che i neri hanno ancora una probabilità significativamente maggiore di essere arrestati per marijuana rispetto ai bianchi. E a livello di contea, ci sono luoghi in cui i neri hanno più di 20, 30, 40 o addirittura 50 volte più probabilità di essere arrestati rispetto ai bianchi.

In media, gli stati che hanno legalizzato o depenalizzato la marijuana tendono ad avere disparità razziali inferiori rispetto agli stati in cui la marijuana rimane completamente illegale. Tuttavia, il rapporto tra legalizzazione o depenalizzazione e disparità razziali tende a mescolarsi. In alcuni stati che hanno legalizzato, come Maine e Vermont, le disparità razziali negli arresti in possesso di marijuana sono aumentate tra il 2010 e il 2018, mentre in altri stati dove è legale, come la California e il Nevada, le disparità sono diminuite. Molti di questi stati avevano anche disparità razziali inferiori alla media nazionale prima di riformare le loro leggi.

La polizia spesso prende di mira le persone in base alla razza piuttosto che al ragionevole sospetto di attività criminale.

Anche se gli stati dove la cannabis è legale o depenalizzata hanno visto un calo complessivo degli arresti, ciò non sembra influenzare le disparità razziali, che rimangono. I neri hanno ancora maggiori probabilità di essere arrestati per possesso rispetto ai bianchi in questi stati. Chiaramente, la sola legalizzazione e depenalizzazione non sono sufficienti per invertire il danno sproporzionato che la guerra alla droga ha causato ai neri e alle altre persone di colore.

La profilazione etnica da parte delle forze dell’ordine è direttamente responsabile di queste disparità. La polizia spesso prende di mira le persone (per fermarsi e perquisire, cercare e arrestare) in base alla loro etnia effettiva o percepita piuttosto che a un ragionevole sospetto di attività criminale. I reati minori – incluso il possesso di marijuana – vengono applicati in modo aggressivo nelle comunità di colore mentre questi stessi reati vengono applicati raramente nelle comunità più ricche, prevalentemente bianche. Il risultato è l’arresto sproporzionato e l’incarcerazione di persone di colore, e in particolare di giovani di colore, che possono finire impigliati nel sistema legale criminale con implicazioni per tutta la vita a causa di un reato minore.

La legalizzazione non è sufficiente

La guerra contro le persone che usano marijuana sta ancora provocando il caos in gran parte degli Stati Uniti, in particolare contro le persone di colore. Gli stati che hanno legalizzato o depenalizzato la marijuana hanno visto un minor numero di arresti e minori disparità razziali in media, anche se le tendenze nei dati variano ampiamente.

Gli Stati devono legalizzare la marijuana e farlo per motivi di giustizia razziale. Ciò significa non solo legalizzare la marijuana con l’obiettivo specifico di annullare alcuni dei danni di decenni di politiche legali criminali razziste, ma perseguire riforme più ampie nel sistema giudiziario penale per garantire che i danni della guerra alla marijuana non si ripresentino semplicemente in altra forma dopo la legalizzazione.

Le effettive disparità razziali potrebbero essere persino maggiori.

Dobbiamo affrontare la guerra alla marijuana nel suo insieme. Quando gli stati legalizzano, devono basare la legalizzazione sulla giustizia razziale, cercando di riparare i danni del passato causati alle comunità di colore dal divieto della cannabis e garantire che le persone di colore abbiano opportunità e accesso al fiorente mercato della marijuana. Al momento della legalizzazione, gli stati dovrebbero offrire la cancellazione e la rideterminazione delle condanne passate, in modo che centinaia di migliaia di persone – sproporzionatamente nere, ispaniche e sud asiatiche – non rimangano emarginate per precedenti reati. È anche importante che gli Stati non continuino a utilizzare le leggi sulla marijuana per sorvegliare i giovani e quindi depenalizzino o decriminalizzino i reati di marijuana compiuti dai minorenni, per impedire di incanalare i più giovani nel sistema giudiziario penale. Inoltre, gli Stati non devono sostituire il divieto di marijuana con un sistema di multe e sanzioni civili.

Dobbiamo includere le riforme della polizia negli sforzi di legalizzazione. Le forze dell’ordine devono adottare misure che sono cruciali per porre fine alla profilazione razziale e alle molestie nei confronti delle comunità nere, che sono state alla base della distorsione del sistema giudiziario penale. Ciò significa porre fine alle perquisizioni “consensuali” che colpiscono in modo sproporzionato le persone di colore. La polizia – e il governo federale, che concede sovvenzioni alla polizia statale e locale – devono anche smettere di usare un numero grezzo di fermati, citazioni, convocazioni e arresti (compresi quelli per marijuana) come misura per misurare la produttività. Gli Stati devono svincolarsi dall’applicazione della legge come mezzo per risolvere i problemi e invece investire in programmi di lavoro, cure e salute pubblica non punitivi e nei servizi comunitari.

I pubblici ministeri devono anche svolgere un ruolo nel porre fine della repressione sulla marijuana basata sull’etnia. Proprio come la polizia deve porre fine all’applicazione selettiva delle leggi penali contro i neri, gli ispanici e i sud asiatici, i pubblici ministeri dovrebbero rifiutare di procedere con gli arresti di marijuana in generale e con gli arresti che hanno come sproporzionato obbiettivo le comunità di colore.

Infine, abbiamo bisogno di dati migliori. Al fine di attuare riforme significative e condurre una corretta supervisione, gli stati devono sviluppare sistemi per la raccolta ordinaria di dati precisi sulla polizia. Sfortunatamente, le lacune esistenti nei dati non dipingono un quadro completo di ciò che sta accadendo.

Esiste anche una variazione significativa nella qualità dei rapporti tra anni, agenzie e luoghi, che lascia lacune nei dati disponibili che rendono difficile quantificare le disparità razziali a livello locale. Inoltre, le limitazioni nei dati dell’FBI rendono difficile esaminare queste disparità, in particolare per quanto riguarda Latinx e la popolazione meticcia. L’FBI non considera Latinx come una categoria etnica e inserisce invece gli individui Latinx in altre categorie etniche, ad esempio il bianco o il nero. I dati sugli arresti tra le persone bianche potrebbero quindi includere molti individui Latinx, che aumenterebbero il tasso di arresto fra i bianchi e significherebbero che le effettive disparità razziali tra arresti di bianchi e persone di colore sono ancora più elevate.

Mentre alcuni stati hanno compiuto progressi significativi nella riforma delle leggi sulla marijuana e i dati mostrano che gli arresti sono molto più bassi negli stati che hanno la hanno legalizzata, il divieto della cannabis è ancora la norma, con il risultato di quasi 700,00 arresti per marijuana nel solo 2018. Inoltre, le disparità razziali negli arresti per possesso di marijuana persistono ovunque e la legalizzazione da sola non è sufficiente a porre fine a tale diverso trattamento delle persone di colore. Solo ponendo al centro la giustizia razziale nei processi di legalizzazione della marijuana, attuando riforme più complete e ottenendo dati migliori, non solo possiamo avere un quadro più accurato dello stato di applicazione delle normative sulla marijuana, ma impostare un percorso più efficace.

Leggi il report | Esplora l’interactive data visualizer

Fonte ACLU | Traduzione a cura di Leonardo Fiorentini.

Scarica i documenti