Nel novembre 2018, il Chief Executives Board for Coordination del sistema delle Nazioni Unite (CEB) ha adottato la “posizione comune del sistema delle Nazioni Unite a sostegno dell’attuazione della politica internazionale in materia di controllo delle droghe attraverso un’efficace collaborazione tra agenzie” (scaricabile qui in inglese), fissando i principi della politica comune in materia di droga di tutte le organizzazioni delle Nazioni Unite e impegnandoli a parlare con una sola voce su questo tema.

La posizione comune – un potente strumento per armonizzare la voce e le attività di tutte le entità delle Nazioni Unite – rappresenta un passo significativo verso il miglioramento della coerenza a livello di sistema delle Nazioni Unite e può guidare il dibattito sulla politica globale in materia di droga verso un approccio più basato sulla salute, lo sviluppo e i diritti umani. Fondamentalmente, per garantire che la posizione comune non rimanga semplicemente un pezzo di carta, è stato istituito un gruppo di lavoro di coordinamento del sistema delle Nazioni Unite per garantire che vengano intrapresi sforzi coerenti per realizzare i suoi impegni e fungerà da direttiva politica autorevole per vari Resident Coordinators delle Nazioni Unite per l’attuazione sul campo di programmi relativi alla droga e l’assistenza agli Stati membri nello sviluppo delle politiche.

Tuttavia, ottenere una maggiore coerenza a livello di sistema delle Nazioni Unite e allinearsi con l’agenda globale 2030 per lo sviluppo sostenibile è stata una sfida particolarmente difficile nelle politiche in materia di droga. Questo documento informativo di IDPC e TNI è curato da Martin Jelsma e ricostruisce il lungo e travagliato processo che ha portato all’adozione di questa posizione comune rivoluzionaria del sistema delle Nazioni Unite.

Qui di seguito trovate la traduzione dei punti chiavi del rapporto che potete scaricate integralmente in formato pdf (in lingua inglese).

Posizione comune delle Nazioni Unite sulla politica in materia di droga
Consolidamento della coerenza a livello di sistema
Punti chiave

• Ottenere una maggiore coerenza a livello di sistema delle Nazioni Unite e l’allineamento con il quadro generale degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) è stata una sfida particolarmente difficile nell’ambito della politica in materia di droga.

• Sin dall’inizio, gli Stati membri hanno riconosciuto il rischio che possano apparire discrepanze all’interno del sistema delle Nazioni Unite, motivo per cui il Consiglio Economico e Sociale (ECOSOC) del 1946 ha dato mandato al segretario generale delle Nazioni Unite di istituire un meccanismo di coordinamento.

• I primi tentativi di rafforzare la collaborazione fra le agenzie negli anni ’90 fallì, provocando un monopolio dell’agenzia per droga e crimine a Vienna (sede UNODC) e una cultura insensata che fu interrotta solo con la sessione speciale dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGASS) sulla droga del 2016.

• A causa dell’escalation della “war on drugs” negli anni ’90, le agenzie delle Nazioni Unite si sono concentrate su salute, diritti umani, costruzione della pace e sviluppo, prendendo le distanze dalla sempre più controversa agenda per il controllo delle droghe e dal duro dibattito a Vienna; oppure – nel caso dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) – sono stati obbligate al silenzio dopo un braccio di ferro.

• L’Assemblea Generale ha fornito a tutte le agenzie delle Nazioni Unite un mandato chiaro, decidendo nella Risoluzione 69/201 che l’UNGASS del 2016 “dovrà avere un processo preparatorio inclusivo che includa ampie consultazioni sostanziali, che consentano agli organi, alle entità e alle agenzie specializzate del sistema delle Nazioni Unite, alle organizzazioni internazionali e regionali pertinenti, alla società civile e ad altre parti interessate di contribuire pienamente al processo“.

• Il processo UNGASS è stata un’opportunità per ampliare la discussione e includere entità delle Nazioni Unite che affrontano il problema della droga a partire dalla salute, dallo sviluppo sostenibile, dai diritti umani e dal punto di vista della costruzione della pace e di promuovere la coerenza a livello di sistema delle Nazioni Unite, nel rispetto delle strategie globali di controllo delle droghe.

• La posizione comune del sistema delle Nazioni Unite sulla politica in materia di droga, adottata nel novembre 2018 dal Consiglio di coordinamento del sistema delle Nazioni Unite per il coordinamento (CEB), si impegna a “supportare gli Stati membri nello sviluppo e nell’attuazione di risposte al problema mondiale della droga realmente equilibrate, globali, integrate, basate sulle evidenze, sui diritti umani e orientate allo sviluppo e alla sostenibilità, nel quadro dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile (SDG)”.

• La posizione comune si basa su un forte mandato dell’Assemblea generale alla CEB e al Segretario generale per migliorare la coerenza a livello di sistema delle Nazioni Unite e incorpora molti elementi dell’UNGASS del 2016, il quadro degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile (SDG) e gli strumenti per i diritti umani che sono stati tutti adottati dagli Stati membri.

• Il “consensus” di Vienna è rotto, le tensioni sono in aumento e le contraddizioni stanno diventando più evidenti tra alcune pratiche di controllo della droga e gli obiettivi generali di promozione della salute, giustizia sociale, sviluppo sostenibile, protezione dei diritti umani e costruzione della pace. Queste contraddizione sono radicate in alcuni obiettivi incompatibili fra il sistema di controllo delle droghe delle Nazioni Unite e quello del regime dei diritti umani delle Nazioni Unite.

• La posizione comune delle Nazioni Unite e il gruppo di lavoro stesso sono risultati conquistati con fatica che forniscono una guida autorevole senza compromessi per le entità delle Nazioni Unite e possono aiutare a guidare l’attuale sistema di controllo delle droghe nel 21° secolo, sul campo attraverso il nuovo sistema dei resident coordinator e a livello globale nel superare l’approccio insensato.

• Gli Stati membri devono sostenere il lavoro del gruppo di lavoro, promuovere l’inclusione di questioni connesse alla droga nell’agenda di altri forum delle Nazioni Unite, tra cui l’Assemblea generale, l’ECOSOC, l’Assemblea mondiale della sanità (WHA) e il Consiglio per i diritti umani (HRC); e garantire che tutte le pertinenti entità delle Nazioni Unite, compreso l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC), promuovano attivamente la posizione comune delle Nazioni Unite.

Scarica i documenti

  • pdf UN Common Position on drug policy - Consolidating system-wide coherence
    Scarica il report di IDPC e TNI a cura di Martin Jelsma in formato pdf.
    Aggiunto in data: 18 Marzo 2020 11:16 Dimensione del file: 1 MB Download: 19
  • pdf CEB_2018_2-EN
    United Nations system Common Position supporting the implementation of the international drug control policy through effective inter-agency collaboration
    Aggiunto in data: 26 Marzo 2020 15:18 Dimensione del file: 585 KB Download: 15