L’apposito ufficio dello Stato del Michigan ha approvato ieri la petizione promossa da Coalition to Regulating Marijuana Like Alcohol per promuovere una iniziativa referendaria per legalizzare il possesso e il consumo di marijuana per tutti gli adulti maggiori di 21 anni. La proposta andrà al voto a novembre 2018, insieme alle elezioni di medio termine federali. Se approvata dagli elettori, il Michigan diventerebbe il primo stato nel Midwest con una legge per la regolamentazione legale dell’uso anche ricreativo per gli adulti.

Questo novembre, gli elettori del Michigan avranno finalmente la possibilità di eliminare le antiquate leggi sulla marijuana del Michigan“, ha detto il portavoce della Coalizione John Truscott. “Proprio come con l’alcol, è chiaro che il divieto non funziona e che la regolamentazione e la tassazione sono una soluzione molto migliore.

Oltre a consentire agli adulti di 21 anni di possedere e consumare quantità limitate di marijuana, l’iniziativa posta all’attenzione degli elettori del Michigan permetterà di:

  • Rilasciare licenze alle imprese che coltivano, trasformano, testano, trasportano o vendono marijuana;
  • Legalizzare la coltivazione della canapa industriale (usata per fabbricare tessuti, plastica biodegradabile, cibo, materiali da costruzione e persino combustibile);
  • Proteggere i consumatori con adeguati test e norme di sicurezza per la vendita al dettaglio della cannabis;
  • Imporre un’accisa del 10% sulla cannabis venduta al dettaglio oltre all’imposta sulle vendite del 6%
  • Offrire ai governi locali l’opzione di autorizzare o meno imprese legate alla cannabis nella loro comunità.

Questa è un’importante riforma che contribuirà a mettere fine a migliaia di arresti non necessari e reindirizzare le risorse delle forze dell’ordine a reali esigenze – come combattere il crimine violento e combattere l’epidemia di oppioidi – generando allo stesso tempo centinaia di milioni di nuove tasse per le nostre scuole, strade e governi locali“, ha detto l’ex capo della polizia di Detroit Ike McKinnon. “Questa non è solo la mia opinione“, ha aggiunto McKinnon. “Ho parlato con innumerevoli funzionari delle forze dell’ordine in tutto il Michigan e nel paese che credono lo stesso.

Le firme necessarie per promuovere un referendum in Michigano erano 252.523. La Coalition to Regulating Marijuana Like Alcohol ha presentato più di 365.000 firme all’ufficio elettorale statale nel novembre dello scorso anno. Il personale dell’ufficio elettorale stima che oltre 277.000 firme siano valide.

Quando si guarda al successo di altri stati che hanno già legalizzato e regolamentato la marijuana, è chiaro che questa è la via da seguire“, ha dichiarato Brad Forrester, di NORML. “Gli Stati che hanno legalizzato e regolamentato la marijuana hanno visto una diminuzione dei decessi correlati agli oppioidi, aggiungendo anche centinaia di milioni di dollari di entrate fiscali ogni anno“.

Altre organizzazioni che sostengono la coalizione includono il Marijuana Policy Project, la National Cannabis Industry Association, l’ACLU del Michigan, la Drug Policy Alliance, la National Patients Rights Association e la MILegalize.

Con i sondaggi che mostrano quasi il 60 per cento degli elettori del Michigan a sostegno della legalizzazione, è chiaro che il pubblico è molto più avanti rispetto ai politici su questo tema”, ha affermato Jeffrey Hank, direttore esecutivo di MILegalize. “La gente è stanca delle politiche fallimentari del passato e capisce che la creazione di regolamenti ragionevoli e responsabili è la strada da percorrere per decine di migliaia di nuovi posti di lavoro e opportunità nel Michigan. Questo novembre le persone faranno sentire la loro voce!

[Fonte Coalition to Regulating Marijuana Like Alcohol]