Tempo di lettura: 2 minuti

Per il secondo anno consecutivo il Dipartimento Antidroga consegna in tempo la relazione al Parlamente sulle droghe. Un fatto positivo, dopo anni di mancato rispetto dei termini previsti dalla legge, a cui si aggiunge la presenza degli atti della conferenza nazionale sulle droghe, che dopo 12 anni di attesa si è tenuta a Genova lo scorso novembre.

Riportiamo qui di seguito la prefazione firmata dalla Ministra Fabiana Dadone.

La Relazione al Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze in Italia rappresenta uno strumento di analisi essenziale per la comprensione del fenomeno delle dipendenze che è sempre più legato a dinamiche di mercato complesse caratterizzanti sia la domanda che l’offerta di sostanze, con conseguenze socio sanitare spesso esacerbate e un impatto rilevante su altre aree di disagio. L’analisi affronta le tendenze che stanno plasmando la situazione attuale e identifica i nuovi elementi emergenti.

Il 2021 ha segnato nel mondo delle dipendenze italiane un momento storico: finalmente, dopo 12 anni, il tema delle fragilità legate alle dipendenze è stato posto al centro della discussione grazie all’articolato lavoro partecipativo della VI Conferenza Nazionale sulle Dipendenze “Oltre le Fragilità”. I lavori, avviati nel mese di settembre e conclusi nel novembre 2021, si sono poi evoluti in una seconda fase contraddistinta da una sfida di grande concretezza: lo sviluppo del nuovo Piano di Azione Nazionale sulle Dipendenze 2022-2025.

Nel passaggio tra queste fasi, la relazione offre una sintesi organica e bilanciata, che valorizza in modo approfondito le diverse analisi sviluppate sistematicamente dalle realtà istituzionali e dell’area sociale coinvolte, al fine di favorire un approccio multidimensionale al fenomeno dipendenze. Essa rappresenta quindi uno strumento indispensabile per la formulazione di politiche basate sulle evidenze scientifiche e , in quanto tali, in grado di ottenere risultati efficaci. In tal senso occorre che il Legislatore tenga conto dei rilevanti e continui mutamenti nella morfologia del fenomeno. È necessario, infatti, adottare soluzioni che considerino oltre agli sviluppi di problematiche già esistenti, le tendenze emergenti, quali i comportamenti digitali, che riguardano soprattutto i giovani. A tal fine occorre che tutti gli attori, a diverso titolo coinvolti, diano il proprio contributo.

Il percorso partecipativo di sviluppo del nuovo Piano di Azione Nazionale è stato concepito proprio in quest’ottica: proporre soluzioni innovative, concrete e sostenute dall’approccio evidence based.

In conclusione, tengo ad esprimere il mio più profondo ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato al processo di elaborazione di questo documento, sia per il lavoro svolto che per il costante impegno che ogni giorno profondono nell’affrontare le sfide presenti e future nell’area delle dipendenze.

On. Fabiana Dadone
Ministro per le Politiche Giovanili

Scarica i documenti

  • pdf relazione-al-parlamento-2022
    Scarica la relazione al Parlamento in formato pdf
    Aggiunto in data: 1 Luglio 2022 11:49 Dimensione del file: 8 MB Download: 120