Tempo di lettura: 8 minuti

Traduzione del documento “Human Rights Council resolution ‘Contribution of the Human Rights Council with regard to the human rights implications of drug policy’: Analysis and implications” pubblicato dall’International Drug Policy Consortium, a cura di by Adria Cots Fernandez con commenti e contributi di Ann Fordham e Marie Nougier.

Il 4 aprile 2023, il Consiglio per i diritti umani della Nazioni Unite ha adottato una risoluzione dal titolo “Contributo del Consiglio per i diritti umani in merito alle implicazioni sui diritti umani della politica sulle droghe”. L’obiettivo principale della risoluzione era quello di garantire che gli organismi delle Nazioni Unite che si occupano di diritti umani si impegnassero in modo significativo nella revisione intermedia della Dichiarazione ministeriale sulle droghe del 2019, che si terrà a Vienna nel marzo 2024, in occasione della 67a sessione della Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti (CND).

La revisione intermedia del 2024 è il prossimo momento chiave per la comunità internazionale per fare il punto sui progressi compiuti nella politica internazionale sulle droghe e tracciare la strada per i prossimi cinque anni. A questo proposito, sarà quindi fondamentale garantire che la questione dei diritti umani nella politica sulle droghe sia il più importante possibile. La risoluzione del Consiglio per i diritti umani definisce il quadro per il contributo del sistema delle Nazioni Unite per i diritti umani alla revisione intermedia, chiedendo all’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR) di produrre un rapporto sulle implicazioni per i diritti umani della politica sulle droghe e convocando uun panel di discussione sulla questione al Consiglio per i diritti umani.

La risoluzione rappresenta anche il più ambizioso documento politico delle Nazioni Unite sulle implicazioni sui diritti umani della politica sulle droghe. Contiene una serie di progressi significativi in termini di linguaggio concordato dalle Nazioni Unite, dimostrando che gli organi delle Nazioni Unite a Ginevra e New York stanno diventando spazi per un dibattito più produttivo e costruttivo sulle politiche sulle droghe.

È ora necessaria una strategia ambiziosa per il rapporto dell’OHCHR e per la discussione tematica del Consiglio dei diritti umani sulle implicazioni della politica sulle droghe in termini di diritti umani, per garantire che abbiano un impatto sulla revisione intermedia.

I principali risultati della risoluzione

Discriminazione razziale e politica sulle droghe

La risoluzione contiene l’impegno più forte finora assunto per affrontare l’impatto discriminatorio della politica sulle droghe, in particolare in termini di discriminazione razziale. In particolare, la risoluzione esorta gli Stati ad “adottare un approccio sistemico alla prevenzione e all’eliminazione della discriminazione razziale in tutte le fasi dello sviluppo, dell’attuazione, del monitoraggio e della valutazione delle politiche e dei programmi in materia di droga” (OP9) e sottolinea che gli Stati dovrebbero riformare “le politiche, le leggi e le pratiche legate alla droga con esiti discriminatori”, comprese le “pratiche discriminatorie nell’arresto e nella detenzione di membri di gruppi vulnerabili ed emarginati” (un chiaro riferimento all’arresto e alla perquisizione legati alla droga).

Sostegno esplicito alla riduzione del danno

La risoluzione include per la prima volta un riferimento esplicito e di sostegno alla “riduzione del danno” in un documento politico delle Nazioni Unite sulla politica delle droghe. Finora, gli unici documenti che includevano i termini “riduzione del danno” erano le Dichiarazioni politiche sull’HIV e l’AIDS e la risoluzione 47/14 del Consiglio dei Diritti Umani del 2021 sui diritti umani nel contesto dell’HIV e dell’AIDS[4].

Il progresso è triplice:

  1. è la prima volta che il termine viene incluso al di fuori del contesto dell’HIV e dell’AIDS;
  2. è la prima volta che viene menzionato nel quadro del diritto alla salute, insieme ad altre risposte sanitarie;
  3. il sostegno alla riduzione del danno non è qualificato dalla subordinazione alla legislazione nazionale o da clausole come “se del caso”.

Affermazione del ruolo del sistema ONU dei Diritti Umani nel dibattito sulle politiche sulle droghe

La risoluzione rinnova l’interesse del sistema delle Nazioni Unite per i diritti umani nei dibattiti sulla politica delle droghe, in particolare conferendo all’OHCHR il mandato di produrre un rapporto sulle sfide dei diritti umani nella situazione mondiale delle droghe e includendo un panel intersessionale tematico che si terrà presso il Consiglio dei diritti umani tra ottobre 2023 e febbraio 2024. L’OHCHR ha richiesto un budget di circa 140.000 dollari per condurre queste attività. La risoluzione sulle modalità della revisione intermedia, adottata dal CND nel marzo del 2023, incoraggia il contributo delle “entità pertinenti delle Nazioni Unite” al processo, senza menzionarne alcuna in particolare. Il Consiglio dei diritti umani è la prima istituzione a prendere in parola la CND e a rivendicare per sé un ruolo nella revisione – un segno della crescente importanza dei diritti umani nei dibattiti sulla politica globale in materia di droga. È essenziale che gli Stati membri, la società civile e le organizzazioni delle comunità locali che condividono questa posizione mettano a punto una strategia per garantire che il rapporto e il gruppo di esperti costituiscano un momento catalizzante per il coinvolgimento del sistema dei diritti umani nelle politiche sulle droghe, e un contributo influente alla revisione intermedia della Dichiarazione ministeriale del 2019.

Proteggere gli usi tradizionali da parte dei popoli indigeni

La risoluzione consolida il precedente stabilito dalla risoluzione 77/238[5] dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, riconoscendo che i popoli indigeni hanno il diritto alle loro medicine tradizionali e a mantenere le loro pratiche sanitarie nel contesto di una risoluzione sulle droghe. La differenza è che questa volta il testo è stato adottato per consenso e nessuna delegazione ha chiesto un voto su questo paragrafo.

Incoraggiare ulteriori contributi da parte del sistema dei diritti umani dell’ONU

La risoluzione riconosce i contributi del sistema dei diritti umani dell’ONU alla politica sulle droghe, compresi gli ultimi rapporti dell’OHCHR e del Gruppo di lavoro sulla detenzione arbitraria[6] , e li incoraggia a continuare il loro lavoro sulle implicazioni per i diritti umani della politica sulle droghe, anche impegnandosi con la Commissione sugli stupefacenti. Vengono inoltre riconosciute le Linee guida internazionali sui diritti umani e la politica sulle droghe[7], rafforzando il loro status di standard internazionale sui diritti umani in materia di politica sulle droghe e, auspicabilmente, incrementandone l’uso nei dibattiti regionali e nazionali.

Focus sull’impatto sui diritti umani delle politiche sulle droghe

Il titolo della risoluzione si discosta dai precedenti dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e del Consiglio dei Diritti Umani, ponendo l’accento sulle implicazioni delle politiche sulle droghe per i diritti umani, piuttosto che sul “problema mondiale della droga”. Si tratta di un riconoscimento che le politiche sulle droghe possono avere un impatto sui diritti umani e che il sistema delle Nazioni Unite e in particolare gli organi per i diritti umani hanno il
hanno il mandato di affrontarli.

Limiti della risoluzione

Nessun mandato permanente per l’OHCHR

La risoluzione ha raggiunto l’obiettivo principale del core group del Comitato, che era quello di far progredire il dettato concordato dalle Nazioni Unite sui diritti umani e la politica sulle droghe, e di richiedere un contributo da parte dell’OHCHR alla revisione intermedia della Dichiarazione ministeriale del 2019. Tuttavia, l’obiettivo originale della società civile era quello di stabilire per l’OHCHR una richiesta permanente di riferire periodicamente sull’impatto della politica sulle droghe sui diritti umani. Sebbene sia indiscutibile che l’impatto della politica sulle droghe sui diritti umani rientri chiaramente nel mandato dell’OHCHR, ciò avrebbe dato stabilità politica e finanziaria al lavoro dell’Ufficio su questo argomento e avrebbe consolidato la politica sulle droghe come focus tematico del Consiglio dei diritti umani.

Reintroduzione nel testo della “società libera dall’abuso di droghe”

Nel processo di adozione della risoluzione, sono stati inseriti nel testo due paragrafi presentati rispettivamente dall’Arabia Saudita e dall’Egitto. Uno riguarda il ruolo della sovranità dello Stato nel diritto internazionale e l’altro – cosa preoccupante – introduce nuovamente l’obiettivo di raggiungere una “società libera dall’abuso di droga”. L’eliminazione di questo linguaggio è stato uno dei risultati chiave della risoluzione 77/238 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, quindi è deplorevole che questo risultato non sia stato consolidato nella risoluzione del Consiglio dei diritti umani. Tuttavia, il voto sull’emendamento ha rivelato un Consiglio diviso, con 25 voti a favore dell’emendamento, 18 contrari e 4 astensioni.

Uso di una terminologia stigmatizzante

La prima versione della risoluzione includeva guadagni significativi nella terminologia che si riferiva alla dimensione dei diritti umani, tra cui un linguaggio incentrato sulle persone e l’uso della definizione “situazione mondiale della droga” (invece del tradizionale “problema mondiale della droga”). Questi termini sono stati scartati nel corso delle negoziazioni in tutto il testo e sostituiti con il linguaggio standard ma stigmatizzante delle Nazioni Unite, come “problema mondiale della droga” e “abuso di droga”. La risoluzione contiene continui riferimenti al “ruolo principale” della CND nelle questioni legate alla droga, così come un riferimento agli obiettivi di eradicazione della Dichiarazione politica del 2009[8].

Stato della risoluzione

Adottata senza voto

La risoluzione è stata adottata dal Consiglio dei diritti umani senza voto. Questo è particolarmente positivo perché l’ultima risoluzione del Consiglio dei diritti umani del 2018[9] è stata adottata con un voto, anche se era meno ambiziosa di questa sia in termini sostanziali che operativi. Ciò significa che la risoluzione costituisce ora un dettato concordato sulle droghe. Tuttavia, alcune delegazioni hanno preso la parola per dissociarsi dal testo finale, sostenendo di non essere vincolate da esso. Tra queste, la Cina, l’Egitto e i Paesi del Consiglio di Cooperazione del Golfo (Bahrein, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti). Alla luce di questa avvertenza, bisognerà aspettare per vedere se il testo progressista incluso nella risoluzione potrà essere proposto e accettato da tutti i delegati come basato sul consenso nei futuri negoziati.

Votazione sugli emendamenti

Diverse delegazioni, tra cui la Federazione Russa e la maggior parte dei Paesi arabi e asiatici, hanno presentato emendamenti al testo presentato dal gruppo centrale. I membri del Consiglio hanno votato separatamente su ciascuno di questi emendamenti, in alcuni casi cambiando il senso del voto a seconda del contenuto dell’emendamento. Questo ha portato a un dibattito sostanziale sulla politica delle droghe e ha rivelato posizioni sfumate, come dimostrano gli esempi che seguono. Negli anni futuri, il movimento per la politica sulle droghe farebbe bene a costruire relazioni con una gamma più ampia e diversificata di delegazioni a Ginevra.

Ringraziamenti

Questa nota di advocacy è stata redatta da Adria Cots Fernandez con commenti e contributi di Ann Fordham e Marie Nougier.

Note

1. Disponibile qui: https://ap.ohchr.org/documents/dpage_e.aspx?si=A/HRC/52/L.22/Rev.1
2. Disponibile qui: Commission on Narcotic Drugs (2019), Ministerial declaration on strengthening our actions at the national, regional and international levels to accelerate the implementation of our joint commitments to
address and counter the world drug problem, https://www.unodc.org/documents/commissions/CND/2019/Ministerial_Declaration.pdf
3. Per maggiori informazioni, vedi le modalità per la preparazione qui: Commission on Narcotic Drugs (2023), Preparations for the midterm review to be held during the sixty-seventh session of the Commission on Narcotic Drugs, in 2024, E/CN.7/2023/L.2/Rev.1, https://undocs.org/Home/Mobile?FinalSymbol=E%2FCN.7%2F2023%-2FL.2%2FRev.1&Language=E&DeviceType=Desktop&LangRequested=False
4. Disponibile qui: Human Rights Council (July 2021), Resolution 47/14. Human rights in the context of HIV and AIDS, A/HRC/RES/47/14, https://undocs.org/Home/Mobile?FinalSymbol=A%2FHRC%2FRES%2F47%2F14&Language=E&DeviceType=Desktop&LangRequested=False
5. Disponibile qui: UN General Assembly (December 2022), Addressing and countering the world drug problem through a comprehensive, integrated and balanced approach, A/RES/77/238, https://www.undocs.org/Home/Mobile?FinalSymbol=A%2FRES%2F77%2F238&Language=E&DeviceType=Desktop&LangRequested=False
6. Vedi: Working Group on Arbitrary Detention (2021), Study on arbitrary detention relating to drug policies, A/HRC/47/40, https://www.ohchr.org/en/calls-for-input/study-arbitrary-detention-relating-drug-policies
7. Disponibile qui: United Nations Human Rights Office of the High Commissioner, UNAIDS, World Health Organization, United Nations Development Programme & International Centre on Human Rights and Drug Policy (2019),
International guidelines on human rights and drug policy, https://www.humanrights-drugpolicy.org
8. Vedi: Commission on Narcotic Drugs (March 2009), Political declaration and plan of action on international cooperation towards an integrated and balanced strategy to counter the world drug problem, https://www.unodc.org/documents/drug-prevention-and-treatment/High-level_segment_Commission_on_Narcotic_Drugs_11-12_March_2209.pdf
9. Disponibile qui: Human Rights Council (2018), Contribution to the implementation of the joint commitment to effectively addressing and countering the world drug problem with regard to human rights, A/HRC/RES/37/42,
https://ap.ohchr.org/documents/dpage_e.aspx?si=A/HRC/RES/37/42

Informazioni su questa nota per l’advocacy

In questa nota di advocacy, IDPC mette in evidenza gli importanti progressi derivanti dall’adozione della risoluzione del Consiglio dei Diritti Umani sui diritti umani e le droghe nell’aprile del 2023 e le sue implicazioni per i futuri processi sulla politica sulle droghe delle Nazioni Unite.

Informazioni su IDPC

L’International Drug Policy Consortium è una rete globale di ONG che si riuniscono per promuovere politiche sulle droghe che promuovono la giustizia sociale e i diritti umani. La missione dell’IDPC è quella di amplificare e rafforzare un movimento globale diversificato per riparare i danni causati dalle politiche punitive sulle droghe e promuovere risposte giuste.

© International Drug Policy Consortium Pubblication 2023

International Drug Policy Consortium
61 Mansell Street
London E1 8AN, United Kingdom
Email: contact@idpc.net
Website: www.idpc.net

[Foto: sessione del Consiglio per i Diritti Umani – U.S. Mission Geneva/ Eric Bridiers]

Scarica i documenti

  • pdf IDPC_HRC resolution_Advocacy_Note
    Scarica la nota di IDPC in formato pdf (ENG)
    Aggiunto in data: 10 Aprile 2023 9:23 Dimensione del file: 951 KB Download: 76
  • pdf G2306618
    Scarica la risoluzione dell'ONU in formato pdf (ENG)
    Aggiunto in data: 10 Aprile 2023 8:09 Dimensione del file: 170 KB Download: 89