Il governo federale non sta ostacolando gli Stati che decidono di legalizzare e regolare la cannabis. Lo ha dichiarato venerdì il presidente Donald Trump nei commenti riportati da MarijuanaMoment.net.

La conferma della linea Trump di non interferenza sulla cannabis

In risposta alla domanda di un giornalista in merito al fatto se l’amministrazione sosterrà o meno un cambiamento nella politica federale sulla marijuana, il presidente Trump ha dichiarato: “È un argomento molto importante e in questo momento stiamo permettendo agli Stati di prendere quella decisione. Molti Stati stanno prendendo decisioni in merito, ma stiamo permettendo agli Stati di prendere quella decisione “.

Durante la sua campagna presidenziale, Trump aveva anche affermato di ritenere che le questioni relative alla legalizzazione della cannabis debbano essere decise “stato per stato”. E lo aveva confermato da Presidente nell’aprile dello scorso anno. Tuttavia, il primo procuratore generale dell’amministrazione, Jeff Sessions, aveva annullato il memorandum dell’amministrazione Obama che ordinava al Dipartimento di Giustizia di non interferire nelle attività relative alla marijuana sanzionate dallo stato.

La reiterazione di una politica di non interferenza da parte del Presidente è un chiaro segnale che gli Stati dovrebbero continuare ad agire in contrasto con il divieto federale sulla marijuana“, ha dichiarato il direttore politico di NORML Justin Strekal. “Il Congresso dovrebbe far avanzare rapidamente la legislazione per rimuovere la cannabis dal Controlled Substances Act e fornire così la tutela legale necessarieaa quegli individui e aziende che stanno lottando sotto la crudele politica criminale delle nostre nazioni“.

Il 63% degli americani favorevole alla legalizzazione della cannabis a livello federale

Quasi i due terzi degli americani credono che la marijuana debba essere legalizzata a livello nazionale, secondo i dati del sondaggio realizzato da Investor’s Business Daily e TechnoMetrica Market Intelligence.

Complessivamente, il 63 percento degli intervistati ha sostenuto la legalizzazione, una percentuale coerente con altri sondaggi recenti. Il settantacinque percento dei democratici approva la legalizzazione, così come la maggioranza (66 percento) degli elettori indipendenti. La maggioranza dei repubblicani non sosterrebbe invece al momento la legalizzazione.

Quasi uno americano su quattro ha affermato che “lui o qualcuno in casa avevano consumato cannabis per scopi medici o ricreativi nell’ultimo semestre.” L’uso riferito a sé più alto tra gli intervistati dai 25 ai 44 anni.

Solo il 26% ritiene la cannabis “molto dannosa”

La maggior parte degli americani ritiene che le sigarette e l’alcool rappresentino un rischio maggiore per la salute pubblica rispetto alla cannabis, secondo i dati dell’indagine condotta dalla T.H. Chan School of Public Health di Harvard segnalata da MarijuanaMoment.net.

Secondo il sondaggio, l’81% degli intervistati ritiene che le sigarette siano “molto dannose”. Allo stesso modo, il 51 percento degli intervistati considera l’alcol “molto dannoso”. Al contrario, solo il 26 percento degli intervistati classifica la marijuana come “molto dannosa”.

Il 18% degli intervistati ha affermato che la cannabis “non è affatto dannosa”. Al contrario, solo il due percento degli intervistati ha dichiarato lo stesso sull’alcol e solo l’1 percento lo ha affermato sul tabacco.

[Fonte NORML]