Tempo di lettura: 15 minuti

Numero 45 – Dicembre 2021
Supplemento mensile alla
newsletter di Fuoriluogo.it – Droghe e Diritti
Ogni quarto lunedì del mese nella vostra mail
A cura di Francesco Crestani
Associazione Cannabis Terapeutica
www.medicalcannabis.it | ACT su Facebook


Riduce il mal di schiena e fa risparmiare oppiacei

In questo studio osservazionale sono stati identificati un totale di 180 pazienti che presentavano un disturbo principale di lombalgia. Sono stati analizzati sessantuno pazienti che hanno utilizzato oppioidi da prescrizione. Si è scoperto che il 50,8% è stato in grado di interrompere tutto l’uso di oppioidi, che earno stati usati per una mediana di 6,4 anni. Per quei 29 pazienti (47,5%) che non hanno interrotto gli oppioidi, 9 (31%) sono stati in grado di ridurre l’uso di oppioidi, 3 (10%) hanno mantenuto la stessa linea di base e 17 (59%) hanno aumentato il loro consumo. Il quarantotto percento dei pazienti sentiva soggettivamente come se la cannabis li aiutasse a mitigare l’assunzione di oppioidi, ma questa sensazione non prevedeva chi avrebbe effettivamente interrotto l’uso di oppioidi. Non c’erano variabili che predicessero chi avrebbe interrotto gli oppioidi, tranne che coloro che usavano dosi più elevate di cannabis avevano maggiori probabilità di smettere, il che suggerisce che alcuni pazienti potrebbero essere in grado di interrompere gli oppioidi usando la cannabis. In questo studio osservazionale a lungo termine, l’uso di cannabis ha funzionato come alternativa agli oppioidi prescritti in poco più della metà dei pazienti con lombalgia e come coadiuvante per diminuire l’uso in alcuni consumatori cronici di oppioidi.
https://www.liebertpub.com/doi/full/10.1089/can.2019.0039

Il CBD non diventa THC una volta ingerito

Uno studio recente ha dimostrato che il CBD potrebbe convertirsi in Δ 9 -THC in un mezzo acido in vitro che simula il fluido gastrico. Ciò ha portato gli autori a concludere che il trattamento orale con CBD potrebbe esporre i pazienti al rischio di ingerire livelli significativi di THC. Un commento a questo articolo ha contestato la rilevanza clinica nella sua conclusione basandosi sui dati clinici disponibili che non hanno mostrato effetti caratteristici del THC nei soggetti dopo l’ingestione di CBD, anche a dosi elevate. Questi articoli hanno avviato una controversia scientifica che da allora ha generato più pubblicazioni, con rapporti che presentavano dati sugli animali, alcuni in favore altri contro il rischio di conversione del CBD in Δ 9 – THC dopo l’ingestione orale. Negli esseri umani, gli unici due studi che hanno fornito dati sulla conversione del CBD in 9 – THC12 non hanno rilevato Δ 9 -THC nei campioni di plasma di nessuno dei pazienti inclusi. Sono stati quindi testati i campioni di plasma di 120 soggetti umani sani (60 maschi e 60 femmine), 60 a digiuno e gli altri 60 in normali condizioni di alimentazione dopo somministrazione acuta di una soluzione orale contenente 300 mg di CBD. I risultati hanno mostrato che il THC non è stato rilevato nel plasma dopo la somministrazione di CBD e che i partecipanti allo studio non hanno presentato effetti psicotomimetici. I risultati qui presentati sono coerenti con prove precedenti che suggeriscono che la somministrazione orale di CBD in una formulazione di olio di mais è una via sicura per la somministrazione del principio attivo senza bioconversione in THC nell’uomo.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7173681/

Modulare gli endocannabinoidi nella Tourette: studio randomizzato controllato

Il farmaco sperimentale Lu AG06466 è un inibitore altamente selettivo di un enzima responsabile della degradazione del ligando endocannabinoide 2-arachidonoilglicerolo. Quindi la sua somministrazione provoca un aumento dell’endocannabinoide. Questo studio esplorativo mirava a determinare l’effetto di Lu AG06466 rispetto al placebo sui tic e altri sintomi in pazienti con TS. 20 pazienti adulti con TS in trattamento con farmaci standard sono stati randomizzati a una singola dose a digiuno di Lu AG06466 (40 mg) o placebo nel periodo 1, seguita dall’altro trattamento nel periodo 2 Gli effetti su tic, impulsi premonitori e comorbidità psichiatriche sono stati valutati utilizzando una varietà di approcci su scala in diversi momenti prima e dopo il trattamento. Tutte le scale hanno mostrato una tendenza generale alla riduzione dei tic, con due scale di tic su tre che mostravano un effetto significativo di una singola dose di Lu AG06466 rispetto al placebo in vari momenti. Il trattamento con Lu AG06466 ha determinato una riduzione significativa degli “impulsi premonitori” rispetto al placebo. Dosi singole di Lu AG06466 sono state generalmente ben tollerate e gli eventi avversi più comuni sono stati cefalea, sonnolenza e affaticamento.
https://www.thieme-connect.com/products/ejournals/html/10.1055/a-1675-3494

Gli effetti sul sonno: studio di popolazione

Lo scopo di questo studio era determinare la relazione tra l’uso di cannabis e la durata del sonno notturno in un set di dati rappresentativo a livello nazionale. È stata effettuata un’analisi degli adulti utilizzando i dati del National Health and Nutrition Examination Survey dal 2005 al 2018. Gli intervistati sono stati divisi in due gruppi, come utenti recenti o non utenti se avevano usato o non usato cannabis negli ultimi 30 giorni, rispettivamente. L’esito primario era la durata del sonno notturno, classificata come breve (<6 ore), ottimale (6-9 ore) e lunga (>9 ore). Da un campione che rappresenta circa 146 milioni di adulti negli Stati Uniti, il 14,5% ha riferito di un uso recente di cannabis. Gli utenti recenti avevano maggiori probabilità rispetto ai non utilizzatori di segnalare sia il sonno breve che il sonno lungo. Gli utenti pesanti (≥20 degli ultimi 30 giorni) avevano ancora più probabilità di essere agli estremi della durata del sonno notturno.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34873024/

In forma nonostante l’uso (saltuario)

Uno studio su gemelli non ha trovato che l’uso di cannabis, una volta alla settimana, provochi una riduzione della forma fisica in adulti fra i 25 e i 35 anni. In particolare sono stati studiati la funzione cardiovascolare, respiratoria e la forza.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34871975/

La cannabis medica migliora la qualità della vita

L’impatto dell’uso di cannabis medicinale sulla salute e sulla qualità della vita (QOL) del paziente non è stato valutato attentamente. L’obiettivo di questo studio era di caratterizzare i dati demografici auto-riferiti, le caratteristiche di salute, la qualità della vita e l’utilizzo dell’assistenza sanitaria dei consumatori di cannabis rispetto ai controlli. I partecipanti allo studio erano 1276, e sono stati invitati tramite e-mail a completare le valutazioni di follow-up ogni 3 mesi con il 33% dei partecipanti che ha completato uno o più potenziali follow-up. Le valutazioni includevano dati demografici auto-riferiti, utilizzo dell’assistenza sanitaria, uso di farmaci, dolore, ansia, depressione, sonno e qualità della vita. I consumatori di cannabis ( n = 808) sono stati confrontati con i controlli ( n = 468). I consumatori di cannabis hanno riferito una qualità di vita significativamente migliore , maggiore soddisfazione per la salute, miglioramento del sonno, gravità del dolore media inferiore, ansia inferiore e depressione inferiore rispetto ai controlli. I consumatori di cannabis hanno riferito di utilizzare meno farmaci da prescrizione e avevano meno probabilità di avere una visita al pronto soccorso il mese precedente o ricovero ospedaliero. I controlli che hanno avviato l’uso di cannabis dopo il basale hanno mostrato significativi miglioramenti della salute al follow-up e l’entità del miglioramento rispecchiava le differenze tra i gruppi osservate al basale.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33998852/

Male al pollice

Sembrerebbe un problema banale, ma il dolore al pollice è molto difficile da trattare. Inoltre, se siamo umani è grazie anche al pollice opponibile, per questo il problema è molto limitante. In questo sondaggio i pazienti hanno ricevuto un invito a completare un questionario sulla percezione degli effetti della cannabis e dei prodotti correlati. Il sondaggio è stato completato da 103 pazienti. Il 25% ha riportato una storia di uso di cannabis medica per via orale e il 21% ha riferito di un uso topico di cannabis medica. Dodici dei 25 utilizzatori orali e 7 dei 21 utilizzatori topici ritenevano che il prodotto fosse efficace nell’alleviare il dolore e di conseguenza valesse il costo finanziario. Dei pazienti intervistati, il 69% sarebbe interessato a provare una formulazione orale e l’80% sarebbe interessato a provare una formulazione topica per il trattamento del dolore al pollice.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34893392/

Una nuova formulazione per il dolore

Il prodotto in studio (ZTL-103) era una formulazione di 10 mg THC/10 mg CBD per ml per soluzione orale. Il prodotto è stato fabbricato sotto la supervisione dello sponsor della sperimentazione, la Replek secondo le buone pratiche di produzione (GMP). Lo studio ha esaminato la farmacocinetica, la sicurezza e la tollerabilità di dosi crescenti della nuova combinazione in pazienti con dolore cronico non oncologico (CNCP). Sono state reclutate nove persone con CNCP e dose giornaliera equivalente di morfina orale di 60 mg o superiore. Le concentrazioni ematiche di THC, 11-idrossitetraidrocannabinolo (OH-THC), 11-nor-9-carbossi-tetraidrocannabinolo (COOH-THC) e CBD sono state saggiate settimanalmente. Le concentrazioni sono state misurate dopo una singola dose di 2,5 mg THC/2,5 mg CBD il giorno 1 e dosi crescenti giornaliere fino a una singola dose di 12,5 mg THC/12,5 mg CBD il giorno 29. Il follow-up è stato il giorno 36 dopo un 7 – giorno di lavaggio. I dati sugli esiti secondari comprendevano il dolore, l’umore e i parametri del sonno. In generale, la concentrazione di tutti gli analiti è aumentata fino a 2 ore dopo la somministrazione, diminuendo a circa le concentrazioni pre-dose di 8 ore. Otto partecipanti hanno riportato almeno un evento avverso (AE), con un totale di 62 AE; i più comuni erano umore euforico, cefalea e agitazione, nessuno classificato come grave. Non ci sono stati cambiamenti significativi nelle autovalutazioni della gravità del dolore, né nell’uso di farmaci antidolorifici. Sono stati osservati miglioramenti nei punteggi di interferenza del dolore, nell’umore e in alcuni parametri del sonno. La variabilità tra i partecipanti supporta il concetto di dosaggio personalizzato e la titolazione “start low-go slow”.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34921662/

Il CBD non alza le transaminasi

Studi precedenti avevano suggerito che i prodotti a base di cannabidiolo (CBD) prescritti possono causare aumenti nei test epatici (transaminasi LT). Questo studio ha confrontato la prevalenza di LT elevato in una popolazione adulta che si autosomministrava CBD con la prevalenza normale e generale della popolazione adulta. Un totale di 28.121 persone sono state invitate a partecipare a questo studio, 1475 arruolate e 839 hanno completato lo studio. L’olio di canapa a spettro completo è stato utilizzato per il 55,7%, l’isolato di CBD per il 40,5% e l’ampio spettro per il 3,8%. La dose giornaliera media ± SD di CBD era 50,3+40,7 mg. In conclusione lautomedicazione con CBD non sembra essere associata a un’aumentata prevalenza di elevazione del LT e la maggior parte degli aumenti del LT sono probabilmente dovuti alle condizioni/farmaci per i quali gli individui stanno assumendo CBD.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34918948/

CBD per la psicosi

Mentre il tetraidrocannabinolo (THC) può causare sintomi psicotici temporanei e dose-dipendenti, è interessante notare che alcuni risultati clinici suggeriscono effetti diversi di un altro cannabinoide, il cannabidiolo (CBD). Un impatto favorevole del CBD è stato dimostrato in pazienti con schizofrenia, sintomi psicotici o persone ad alto rischio di psicosi. L’obiettivo principale dello studio era chiarire il potenziale antipsicotico del CBD utilizzato come terapia aggiuntiva. Lo studio è il primo che valuta gli effetti delle sigarette CBD fumate come terapia aggiuntiva per i sintomi psicotici. E’ stato quindi condotto uno studio randomizzato, controllato con placebo, in aperto di sigarette contenenti cannabis ricca di CBD (THC < 1%) come terapia aggiuntiva al trattamento psichiatrico standard. I risultati sono stati valutati dopo 4 settimane di trattamento acuto e il follow-up a lungo termine dopo l’interruzione delle sigarette CBD dopo 25 settimane. I partecipanti erano 31 pazienti acutamente psicotici con disturbo da uso di tabacco e un’età media di 35,1 ± 10,58 anni (71% maschi). L’uso di cannabis in comorbidità è stato diagnosticato nel 51,6%. Dopo 4 settimane di trattamento acuto, le scale di psicosi sono diminuite in entrambi i gruppi, mentre è stato osservato un aumento dell’equivalente di farmaci antipsicotici nel gruppo placebo. I risultati presentati potrebbero suggerire un effetto di risparmio di farmaci antipsicotici delle sigarette CBD come trattamento aggiuntivo della psicosi acuta. Tuttavia, il basso numero di partecipanti non ha consentito ulteriori analisi statistiche. Quindi, un campione di studio più ampio e un disegno di studio più rigoroso (accecamento del prodotto interventistico, regime di dosaggio fisso) potrebbero rivelare risultati diversi.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8599279/

Padova: FM2 nelle cure palliative dei bambini

Pediatri dell’Università di Padova descrivono la loro esperienza in sei bambini trattati con la cannabis FM2 (estratto in olio di oliva) dello Stabilimento Farmaceutico Militare di Firenze.  I caregiver hanno riportato cambiamenti nell’intensità e nella frequenza del dolore e degli eventi epilettici. Si sono verificati solo eventi avversi lievi e transitori: sonnolenza, euforia, irrequietezza e tachicardia; la risoluzione è stata spontanea o ottenuta modificando la tempistica di somministrazione. Il trattamento non è mai stato interrotto. Non si sono verificati sovradosaggi. Tutti i pazienti hanno manifestato convulsioni durante il periodo di osservazione pre-trattamento e hanno ottenuto una riduzione della frequenza delle crisi, sebbene di entità variabile, durante il trattamento con cannabis. Inoltre, è stato osservato un beneficio sul dolore.

Il paziente 1 era un bambino di 4 anni con encefalopatia epilettica e dolore cronico misto e presentava una lieve spasticità, disturbi del sonno e gravi danni neurologici. Era nutrito con gastrostomia endoscopica percutanea (PEG). L’epilessia incontrollata era il disturbo principale e gli episodi di irritabilità erano frequenti e interpretati come uno scarso controllo del dolore. Nel complesso è stato ottenuto un discreto controllo del dolore, con un aumento del 15% dei giorni senza dolore. La percentuale di giorni senza convulsioni era dell’81,5% prima dell’uso della cannabis ed era leggermente ridotta durante il primo mese di trattamento; è poi progressivamente aumentato, fino al 90%. L’intensità degli episodi di crisi è stata segnalata dal caregiver come ridotta. È stata osservata una riduzione complessiva dell’irritabilità e un miglioramento delle relazioni.

Il paziente 2 era un ragazzo di 18 anni, con grave danno neurologico, nutrito con PEG, con un peso corporeo di 33 kg, e spasticità, presentava epilessia farmacoresistente in trattamento con benzodiazepine, fenobarbital, valproato e topiramato. Soffriva di dolore misto cronico, resistente al trattamento con farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) + oppioidi + corticosteroidi. Ha ottenuto un miglioramento del controllo del dolore (da 0 giorni senza dolore all’80% dei giorni senza dolore), insieme ad una significativa riduzione della frequenza delle crisi, da 8,7/giorno a 2,3/giorno.

Il paziente 3 era un ragazzo di 19 anni che aveva subito un trapianto di rene ed era affetto da deficit di coenzima Q10, nutrito con PEG, e aveva un peso corporeo di 34 kg. Erano presenti dolore misto cronico, grave danno neurologico, lieve spasticità e agitazione. È stato trattato con benzodiazepine, fenobarbital, oxcarbazepina, inibitori della pompa protonica, corticosteroidi e immunosoppressori. Il trattamento analgesico al bisogno era basato su FANS + oppioidi + corticosteroidi. Ha ottenuto una significativa riduzione della frequenza delle crisi (2 crisi/giorno) e del controllo del dolore (zero trattamento analgesico) con l’uso di cannabis medica; inoltre, è stato osservato un effetto positivo su spasticità, agitazione, disturbo del sonno e relazione.

Il paziente 4 era una ragazza di 14 anni affetta dalla sindrome di Rett, aveva una moderata disfunzione cognitiva e non aveva particolari dolori. Aveva un peso corporeo di 35 kg, aveva la PEG, presentava una lieve spasticità e irrequietezza. Nel complesso, il paziente ha ottenuto una limitata riduzione della frequenza delle crisi e dell’irrequietezza, mentre sono migliorate la spasticità, il sonno e la capacità di relazione.

Il paziente 5 era un ragazzo di 17 anni, con un peso corporeo di soli 20 kg, affetto da encefalopatia epilettica, grave compromissione psicomotoria, presentava dolore misto, spasticità, irrequietezza e disturbi del sonno. È stato trattato con benzodiazepine, valproato, topiramato e baclofen, con inibitore della pompa protonica e integrazione alimentare. La terapia analgesica era basata su FANS, oppioidi e corticosteroidi. Complessivamente, oltre a un miglioramento rilevante del dolore (NRS media cambiata da 7 a 3, e 57% di giorni liberi da dolore) e convulsioni (3 crisi/giorno mentre prima erano 10), questo paziente ha ottenuto una riduzione dell’irrequietezza e un miglioramento della capacità di relazione.

Il paziente 6 era una bambina di 5 anni, affetta da encefalopatia epilettica, grave compromissione psicomotoria, moderata spasticità associata a dolore, con punteggio del dolore fino a 10 (relazione del caregiver). Aveva anche irrequietezza e disturbi del sonno. La terapia era basata su benzodiazepine, fenobarbital e oxcarbazepina. Ha ricevuto un inibitore della pompa protonica e un’integrazione alimentare. Il dolore è stato trattato con FANS, oppioidi e baclofen. La paziente ha ottenuto un miglioramento del disturbo del sonno e della capacità di relazione; il caregiver ha riportato una riduzione dell’intensità del dolore (ridotto uso di analgesici) e della frequenza delle crisi (0,33/die da dieci che erano).
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8607713/

Canada: uso topico

E’ stato condotto un sondaggio elettronico volontario, anonimo per valutare l’uso di cannabis topica tra gli adulti in Canada.La cannabis è stata utilizzata localmente almeno una volta dal 24,3% degli intervistati che hanno risposto al sondaggio. La forma più comune di cannabis topica erano le creme (26,2%). Le condizioni dermatologiche più comuni trattate con cannabis topica includevano la dermatite atopica (25%), l’acne (19%) e l’anti-invecchiamento (16%); per condizioni non dermatologiche, gli usi comuni erano per rigidità articolare o tendinite (30%) e mal di testa ed emicranie (27%). La cannabis topica è risultata essere più efficace per rigidità articolare e tendinite, indolenzimento muscolare generale, mal di testa, eczema, prurito, acne e psoriasi.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34798780/

Si affaccia il delta 8

i prodotti a base di cannabis contenenti delta-8-THC sono diventati ampiamente disponibili nella maggior parte degli Stati Uniti alla fine del 2020 e sono rapidamente diventati una fonte significativa di entrate per le aziende di lavorazione della canapa, specialmente negli stati in cui l’uso di delta-9-THC rimane illegale o richiede autorizzazione professionale per uso medico. La ricerca scientifica sull’uso del delta-8-THC è scarsa, studi clinici precedenti includevano un totale di 14 partecipanti, portando alcuni governi statali a proibirlo fino a quando le sue proprietà e i suoi effetti non saranno meglio compresi. I ricercatori hanno sviluppato un sondaggio online per i consumatori di delta-8-THC che affronta un’ampia gamma di questioni relative al delta-8-THC, compreso l’uso per il trattamento di condizioni mediche e di salute. I modelli di utilizzo del delta-8-THC avevano sia somiglianze che differenze con l’uso della cannabis e dei prodotti delta-9-THC. I metodi di somministrazione erano principalmente la via orale (64%) e concentrati per vaporizzazione (48%). Circa la metà dei partecipanti (51%) ha utilizzato delta-8-THC per trattare una serie di condizioni mediche e di salute, principalmente ansia o attacchi di panico (69%), stress (52%), depressione o disturbo bipolare (46%), e dolore cronico (41%). I partecipanti hanno confrontato il delta-8-THC sia con il delta-9-THC che con i farmaci e hanno riportato livelli sostanziali di sostituzione per entrambi. La riduzione del danno, concludono gli autori, è una componente centrale della salute pubblica. Sebbene l’ambiente legale stia diventando più restrittivo per il delta-8-THC rispetto al delta-9-THC, i risultati suggeriscono che il delta-8-THC può essere ugualmente efficace per gli scopi desiderati dell’uso di cannabis e ridurre gli effetti indesiderati o negativi.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34797727/

Mal di pancia in Porto Rico

A Porto Rico Sono stati reclutati cento pazienti di età pari o superiore a 21 anni con una diagnosi confermata di malattia infiammatoria intestinale per completare un questionario anonimo volontario. Il 27% dei partecipanti al sondaggio ha riferito di utilizzare cannabis. Di questi, il 39% ha riferito una conoscenza moderata e il 53% ha riferito poca o nessuna conoscenza della cannabis medica. La maggior parte non ha discusso dell’uso di cannabis con il proprio medico (78%) e la maggior parte ha visto un miglioramento dei sintomi (68%).
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34792923/

Danimarca: meno farmaci e meno giorni di ospedale

In base a un registro nazionale danese, i pazienti con dolore neuropatico possono trarre beneficio dal trattamento con medicinali a base di cannabis o cannabis medica (CBM/MC), in particolare in termini di ridotto uso di gabapentin e meno giorni di ricovero ospedaliero, rispetto ai controlli. CBM/MC, tuttavia, non ha ridotto l’uso di oppioidi. Non sono state trovato prove che la CBM/MC fosse efficace per i pazienti con altri disturbi del dolore.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34624164/

Il CBD nel COVID-19 non fa niente

Scienziati brasiliani hanno determinato, con uno studio in doppio cieco contro placebo, randomizzato e controllato, che nei pazienti con sintomi medi – modesti di COVID-19 la somministrazione di 300 mg di CBD al giorno per 14 giorni non dà alcuna variazione dell’evoluzione clinica della malattia. Concludono che ulteriori studi potrebbero esplorare l’effetto nei malati di COVID-19 severo, magari con dosi superiori.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34619044/

Non pericolo per i reni

L’uso di cannabinoidi sintetici è associato a danno renale acuto (AKI) in alcuni “case report”; tuttavia, l’associazione tra l’uso naturale di cannabis e il rischio di AKI nei pazienti con malattia renale cronica avanzata (CKD) è sconosciuta. Da un gruppo di 102.477 veterani statunitensi che sono passati alla dialisi tra il 2007 e il 2015, sono stati identificati 2215 pazienti con CKD avanzata che erano stati sottoposti a test di tossicologia delle urine (UTOX) entro un anno prima dell’inizio della. L’uso di cannabis (rispetto al non uso di sostanze) non era associato a probabilità significativamente più elevate di danno renale acuto.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34597156/

Contro ansia e depressione

L’ ansia e i disturbi depressivi sono molto diffusi. I pazienti utilizzano sempre più prodotti a base di cannabis medicinale per trattare questi disturbi, ma si sa poco degli effetti dell’uso di cannabis medicinale sui sintomi di ansia e depressione. Lo scopo del presente studio osservazionale era valutare la salute generale dei consumatori di cannabis medicinale e dei controlli non utilizzatori con ansia e/o depressione. I partecipanti (368 consumatori di cannabis; 170 controlli) hanno completato un sondaggio online che valutava l’ansia e i sintomi depressivi, l’uso di prodotti a base di cannabis, il sonno, la qualità della vita e il dolore cronico in comorbidità. I partecipanti che hanno completato questo sondaggio di base sono stati quindi invitati a completare ulteriori sondaggi di follow-up a intervalli di 3 mesi. L’uso di cannabis medicinale era associato a una depressione auto-riferita inferiore, ma non all’ansia, al basale. I consumatori di cannabis medicinale hanno anche riportato un sonno, una qualità della vita e un dolore inferiori in media. L’inizio della cannabis medicinale durante il periodo di follow-up è stato associato a una significativa diminuzione dell’ansia e dei sintomi depressivi, un effetto che non è stato osservato nei controlli che non hanno mai avviato l’uso di cannabis.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8458732/

Arriva anche il CBG

 Il cannabigerolo (CBG), e il suo precursore prima della decarbossilazione, l’acido cannabigerolico, è talvolta etichettato come “la madre di tutti i cannabinoidi”. Lo scopo del presente studio era di indagare le ragioni dell’uso e gli effetti terapeutici auto-riferiti nei consumatori di cannabis con predominanza di CBG. Sono stati esplorati anche i modelli di utilizzo e gli effetti avversi, inclusi i sintomi di astinenza. I consumatori di cannabis a predominanza di cannabidiolo sono stati reclutati online per completare un sondaggio  che valutava i modelli di utilizzo del CBG, le condizioni trattate con cannabis a predominanza di CBG (contenente > 50% di CBG), l’efficacia percepita, gli eventi avversi associati e i sintomi di astinenza. Centoventisette partecipanti idonei (residenti negli Stati Uniti di età pari o superiore a 21 anni che hanno riferito di aver utilizzato cannabis con predominanza di CBG negli ultimi 6 mesi) hanno completato il sondaggio. La maggior parte ha riportato l’uso di prodotti a predominanza di CBG esclusivamente per scopi medici. Le condizioni più comuni riportate dal campione completo utilizzando il CBG per il trattamento erano ansia (51,2%), dolore cronico (40,9%), depressione (33,1%) e insonnia/sonno disturbato (30,7%). L’efficacia è stata valutata molto buona, con la maggioranza che ha riferito che le proprie condizioni erano “molto migliorate” o “molto migliorate” dal CBG. Inoltre, il 73,9% ha affermato la superiorità della cannabis con predominanza di CBG rispetto ai farmaci convenzionali per il dolore cronico, l’80% per la depressione, il 73% per l’insonnia e il 78,3% per l’ansia. Il 44% dei consumatori di cannabis con predominanza di CBG non ha riportato eventi avversi, con il 16,5% di secchezza delle fauci, il 15% di sonnolenza, l’11,8% di aumento dell’appetito e l’8,7% di secchezza oculare. Circa l’84,3% non ha riportato sintomi di astinenza, con difficoltà del sonno che rappresentano il sintomo di astinenza più frequentemente riportato (da due intervistati). Concludendo questa è la prima indagine sui pazienti sull’uso di cannabis con predominanza di CBG fino ad oggi e la prima a documentare l’efficacia auto-riferita dei prodotti con predominanza di CBG, in particolare per l’ansia, il dolore cronico, la depressione e l’insonnia. La maggior parte degli intervistati ha riportato una maggiore efficacia della cannabis con predominanza di CBG rispetto alla farmacoterapia convenzionale, con un profilo di eventi avversi benigni e sintomi di astinenza trascurabili. Questo studio stabilisce che gli esseri umani stanno impiegando il CBG e suggerisce che i farmaci a base di cannabis con predominanza di CBG dovrebbero essere studiati in studi randomizzati controllati.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34569849/

Aiuta durante la terapia con metadone

L’uso di cannabis aiuta durante la terapia di mantenimento con metadone effettuata contro la dipendenza da oppiacei. Questo in base a uno studio su 1389 persone effettuato in Canada.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34813374/

Buona efficacia nel dolore secondo le stime britanniche

È stata eseguita una serie di casi utilizzando pazienti con dolore cronico dal registro della cannabis medica del Regno Unito. Gli esiti primari erano i cambiamenti nel dolore nell’ansia e nel sonno. Sono stati inclusi 190 pazienti. Le dosi giornaliere mediane iniziali di 9 – tetraidrocannabinolo e cannabidiolo erano rispettivamente di 2,0 mg e 20,0 mg. Miglioramenti significativi sono stati osservati nelle misure in tutti i momenti. Sono stati segnalati settantacinque eventi avversi (39,47%), di cui 37 (19,47%) sono stati classificati come lievi, 23 (12,11%) come moderati e 14 (7,37%) come gravi. La nausea (n=11; 5,8%) è stato l’evento avverso più frequente.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34937477/

E anche nell’ansia

Uno studio simile ha riguardato specificamente l’ansia. Questo studio infatti era mirato a dettagliare i cambiamenti nella qualità della vita correlata alla salute (HRQoL) e la sicurezza clinica dopo la terapia con cannabis per il disturbo d’ansia generalizzato. 67 pazienti sono stati trattati per disturbo d’ansia generalizzato. Miglioramenti statisticamente significativi sono stati osservati nei punteggi delle varie scale utilizzate. Questo studio suggerisce che l’uso della cannabis medica può essere associato a un miglioramento della qualità della vita se usata come trattamento per il disturbo d’ansia generalizzato.
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34937473/