Tempo di lettura: 5 minutiArild Knutsen

Venerdì 19 febbraio, il Ministro della Sanità e dell’Assistenza, Bent Høie, e il Ministro dell’Istruzione e quello dell’Integrazione, Guri Melby, hanno tenuto una conferenza stampa in cui hanno presentato la proposta del governo norvegese per la riforma della politica sulla droga. Il governo propone che l’uso e il possesso di piccole quantità di droghe per uso personale non siano più un reato penale. Invece di criminalizzare, le persone sorprese con droghe illegali saranno obbligate a comparire davanti a un’unità di consulenza municipale. Lì riceveranno informazioni sui rischi per la salute associati all’uso di droghe e gli verrà offerto aiuto, nel caso pensino di averne bisogno. La produzione e la fornitura di droghe continueranno ad essere vietate, ma piccole quantità di droghe per uso personale non saranno più punite. Questo vale per l’acquisto, l’uso, il possesso e la conservazione di una piccola quantità di sostanze. “Forniremo aiuto, cure e follow-up. La punizione contribuisce allo stigma e all’esclusione sociale. Molti inoltre non osano chiedere aiuto per i loro problemi per paura di essere puniti. Ora stiamo abbassando la soglia per ottenere aiuto e dare aiuto“, ha detto Høie.

L’importazione, la produzione e la vendita di farmaci continueranno a essere perseguite nello stesso modo in cui lo sono attualmente. Lo stesso vale per la detenzione al di sopra dei valori di soglia. Tutte le sostanze devono essere sequestrate, indipendentemente dalla quantità. La polizia continuerà a indagare sull’uso e il possesso di droghe e la polizia avrà l’autorità di perquisire le persone. Queste le soglie detenibili per le varie sostanze: Eroina 2 grammi, Cocaina 2 grammi, Anfetamina 2 grammi, GHB, GBL e 1,4-butandiolo 0,5 dl, MDMA 0,5 grammi, Cannabis: 10 grammi, Khat 500 grammi, Farmaci da prescrizione 15 compresse.

Guri Melby è il leader dei liberali e ministro per l’istruzione e l’integrazione. Ha tenuto il primo intervento alla conferenza stampa:

Sono lieto di poter presentare la più importante riforma della politica sociale dei nostri tempi: la riforma della politica sulla droga del governo. In qualità di leader del partito liberale, sono qui con orgoglio e non poca riverenza. Sono decenni che lottiamo per una politica sulle droghe più umana. In questo governo, lo stiamo realizzando… Decenni di proibizione ci hanno dolorosamente insegnato che la punizione non funziona. Al contrario, la criminalizzazione può peggiorare le cose. Può rendere più difficile per chi ha problemi di abuso di sostanze cercare aiuto. Può rendere più difficile per i parenti rilevare problemi di droga. E contribuisce allo stigma e al rifiuto verso un gruppo vulnerabile. Non staremo più a guardare le persone essere umiliate e chiamate criminali quando sono malate. Non baseremo più la politica norvegese sulla droga sul fatto che ciò che “sentiamo e crediamo” possa accadere se cambiamo le leggi. Sono coloro che sono contrari alla proposta odierna che hanno ora l’onere della prova. Il prossimo dibattito deve tenerne conto. È abbastanza ovvio che i malati dovrebbero ricevere cure e non punizioni, ma ci è voluto del tempo per arrivarci. Nel frattempo, è stato costoso. Il perseguimento delle persone dipendenti da sostanze ha avuto gravi conseguenze dannose – intenzionali e non intenzionali – per un numero incredibile di persone e tutti i loro parenti. La punizione nella politica sulla droga ha anche un effetto socialmente distorto, che a sua volta ha mantenuto e rafforzato l’esclusione di gruppi emarginati. Colpisce i giovani che stanno già avendo difficoltà in misura molto maggiore di altri. I figli di genitori con un livello di istruzione basso hanno sette volte più probabilità di essere puniti per l’uso di cannabis rispetto ai figli di genitori con un livello di istruzione elevato, anche se il doppio dei figli di genitori con un livello di istruzione elevato usa la cannabis. Lo stigma attribuito alle persone che usano sostanze attraverso decenni di criminalizzazione è importante anche per l’opinione pubblica, questo è fuor di dubbio. Ridurre lo stigma è quindi un punto di partenza fondamentale per la riforma della politica sulla droga del governo. E la ricerca e la conoscenza sono con noi. Dalla ricerca internazionale, è ben documentato che la criminalizzazione del consumo di droga può costituire una barriera significativa per i tossicodipendenti nel cercare servizi di curo. Vediamo questi risultati in un certo numero di paesi. L’esempio più noto è la riforma della droga in Portogallo, che già nel 2000 ha depenalizzato l’uso e il possesso di droghe per uso personale attraverso un emendamento alla legge, ma anche paesi come il Canada e l’Islanda stanno ora discutendo di questo problema. Comune alla strategia di questi paesi è la de- o sotto-criminalizzazione dell’uso e del possesso di droghe per uso personale con l’obiettivo preminente di ridurre lo stigma e rafforzare la prospettiva della salute e dei diritti umani. L’abolizione della responsabilità penale per l’uso e il possesso per uso personale ha ricevuto ampio sostegno internazionale. Ora è consigliato da esperti internazionali e da agenzie delle Nazioni Unite come l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine, l’Organizzazione mondiale della Sanità, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, il Consiglio dei diritti umani e UNAIDS per citarne alcuni. Tornando in Norvegia, l’obiettivo di una società libera dalla droga si è concluso con il piano d’azione del governo nel 2003, quando Odd Einar Dørum del Partito Liberale era ministro della Giustizia. Allora, la visione di una società libera dalla droga è stata abbandonata a favore di un obiettivo più appropriato e realistico: ridurre le conseguenze negative del consumo di droga. Anche l’idea che la punizione per l’uso di droghe non sia né appropriata né legittima non è nuova. L’abolizione della responsabilità penale per uso di droga è stata proposta sia dalla Commissione per il diritto penale nel 2002 che dal Comitato Stoltenberg nel 2010. Per decenni, comitati e partiti sono stati in movimento, ma non da ultimo, nuovi gruppi di persone che usano droghe sono entrati in scena e hanno portato avanti il ​​dibattito e hanno contribuito a cambiare gli atteggiamenti delle persone. Come Arild Knutsen dell’Association for Humane Drug Policy e Kenneth Arctander Johansen dell’organizzazione dei tossicodipendenti RIO.

Le organizzazioni delle persone che usano sostanze hanno chiesto:

  • Di essere ascoltati.
  • Che i diritti umani debbano costituire la base di tutte le politiche sulla droga
  • Che l’uso e il possesso di droghe per uso personale sia completamente depenalizzato, senza che le sanzioni siano sostituite da sanzioni nuove e intrusive.

Non è un segreto che per molti anni il Partito Liberale ha adottato misure per rendere la cura dell’abuso di sostanze in Norvegia più umana. Che si tratti di un investimento piccolo ma importante, come un programma giudiziario, interventi a bassa soglia o una garanzia di trattamento 24 ore su 24. Quando Ola Elvestuen ha proposto il trattamento assistito per l’eroina nel 2007, è stato quasi deriso. Le persone spesso ridono di cose che non capiscono, sia per ignoranza che per mancanza di comprensione. Ma oggi è la politica del governo. Le basi per la riforma odierna sono state poste da molte voci chiare e forti che non si sono trattenute nemmeno quando le critiche erano osannate e i pregiudizi significativi. In qualità di leader liberale, sono orgoglioso che la nostra lotta per una migliore politica sulla droga negli ultimi vent’anni stia diventando una realtà. Ai tossicodipendenti ora sarà offerto aiuto, non punizione”.

I nostri amici di Drugreporter hanno contribuito al nostro successo aiutando la nostra campagna con i loro video. Uno dei loro video prodotti presso la Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti è stato presentato la scorsa settimana in un articolo di un prestigioso quotidiano norvegese.

[Articolo pubblicato su Drug Reporter, traduzione a cura della redazione]