Cattiva nonnetta
“Ho scoperto che mia nonna (65 anni) fuma ogni tanto qualche spinello. Ho paura che possano farle male: mi chiedo se devo dirlo a mio padre, che è suo figlio” (lettera di Giacomo S., Mantova al Corriere salute del 21 marzo 1999) “Mah. Non è una bella cosa, comunque direi che è meglio se fai finta di niente, e non metti tuo padre (che probabilmente lo sa) nella situazione di dover constatare ufficialmente che la tua nonnetta ti dà il cattivo esempio. Lei non rischia poi molto. Tu sì” (risposta di A. Cremonese)

Spaccio di bicarbonato
Milano – I carabinieri li hanno visto scambiare denaro con bustine e ovuli di polvere bianca: ma dopo aver fermato i sei extracomunitari che avevano venduto le dosi hanno dovuto rilasciarli perché non esiste il reato di “spaccio di bicarbonato”. I pusher infatti beffavano così i loro clienti. (la Repubblica 7 aprile 1999)

Spaccio di rosmarino
George Singleton, un giovane rasta di Putney (Vermont) è stato arrestato in Oklahoma e tenuto in prigione per 25 giorni per essere stato sorpreso a guidare la sua auto avendo a bordo un pacchetto di rosmarino, nonostante il test dell’urina sia risultato negativo per qualsiasi altra droga. (High Times, feb. 1999)

Spaccio di origano
Nella Contea di Monroe (stato di New York) agenti antidroga travestiti da spacciatori sono riusciti a convincere 54 persone ad acquistare marihuana. I malcapitati sono stati ingannati due volte: la droga acquistata non era marihuana ma origano, ciononostante sono stati ugualmente arrestati e condannati. Il verdetto è stato poi annullato da un altro tribunale. (High Times, Mar 99)

Afghanistan: un anno dopo
A un anno di distanza dall’inizio della campagna Onu per l’eradicazione delle piantagioni di oppio in Afghanistan, ecco il quadro che ne dà l’ultimo Rapporto dell’Onu: “in Afghanistan l’impegno delle autorità a bandire la coltivazione illegale di oppio (…) è opinabile. (…) E’ stato segnalato che la produzione illegale di eroina si è spostata integralmente dal Pakistan all’Afghanistan (…) I gruppi di trafficanti nelle aree di produzione godono di una impunità maggiore che nel passato, a causa della insufficiente applicazione della legge a livello locale” (INCB: 1998 Report, par. 379) “Si ritiene che la dimensione dell’abuso di oppiacei in Afghanistan sia vasta e crescente” (par.391)

Prigioni USA: 1920
“I quartieri umili presto apparterranno al passato. Le prigioni e i riformatori resteranno vuoti. Tutti gli uomini cammineranno di nuovo eretti, tutte le donne sorrideranno e tutti i bambini rideranno. Le porte dell’inferno si sono chiuse per sempre” (messaggio radio del senatore Volstead, autore della legge proibizionista sull’alcol in USA nel 1920, per descrivere gli auspicati effetti della legge in Escohotado, Piccola storia delle droghe, p.81)

Prigioni USA: 1999
A partire dal 1995, sotto la Presidenza di Clinton, la spesa pubblica del Governo Usa per costruire prigioni ha scavalcato quella per le Università: è infatti aumentata di 926 milioni di dollari (per un totale do 2.6 miliardi all’anno) (Criminal Justice Policy Foundation, March 18, 1999)