Tempo di lettura: 2 minuti

Mentre si chiudeva il primo lockdown, nel maggio 2020, un gruppo di ricercatori e operatori ha voluto capire come le persone che usano droghe
hanno vissuto e fronteggiato questa situazione limite, se e come avevano modificato le loro modalità di consumo, come avevano gestito la loro vita di cittadini e di consumatori.
La convinzione era che questa osservazione, attuata in una situazione “extra-ordinaria”, sarebbe stata utile a meglio comprendere anche strategie e scelte di chi consuma
in momenti “ordinari”.

Dalle interviste in profondità condotte con consumatori diversi per età, storia e stile di consumo, contesto di vita emerge un ritratto di persone capaci di orientarsi in situazioni di incertezza e rischio, di calibrare i propri consumi al mutato contesto e alle nuove e diverse situazioni personali, di compiere scelte riflessive e consapevoli. Pur nella differenza delle storie e degli orientamenti, ed anche in presenza di diversi gradi di disagio o difficoltà, emergono con forza autoriflessività e consapevolezza, e la capacità di autoregolarsi e compiere scelte funzionali pur in una situazione così estrema.

La corsa a un consumo fuori controllo, a ricorrere a una sostanza qualsivoglia pur di consumare, l’aumento di rischi e danni correlati non si sono verificati, come del resto dicono non solo queste storie individuali ma anche i dati registrati durante la pandemia.

La ricerca pone nuove domande che interrogano e mettono in crisi alcuni tra i più ricorrenti stereotipi sulle persone che usano droghe, viste nelle rappresentazioni e negli approcci mainstream come per definizione incapaci di gestire i propri consumi, e conferma e rinnova una prospettiva in cui, nel governo del fenomeno dei consumi di droghe legali e illegali, le risorse, le competenze e le culture di chi usa sono fattori cruciali e determinanti.

La ricerca è frutto del lavoro volontario di operatori e ricercatori di numerose realtà del pubblico, del privato sociale e dell’associazionismo, ed ha ha avuto il sostegno di ITARDD e CNCA.

La prima presentazione dei risultati della ricerca si terrà a Genova, il 27 novembre, alle 16.00, nell’ambito dello spazio FuoriConferenza, Circolo CAP, allestito dalla Rete per la riforma delle politiche sulle droghe (https://www.conferenzadroghe.it/).

La presentazione della ricerca Protagonisti, non ostaggi a Genova

Scarica i documenti

  • pdf covid-droghe
    Aggiunto in data: 23 Novembre 2021 16:32 Dimensione del file: 2 MB Download: 92