L’esposizione alla cannabis a vita è associata a un indice di massa corporea inferiore (IMC), secondo i dati longitudinali pubblicati sulla rivista Psychosomatic Medicine.

I ricercatori dell’Arizona State University e dell’Università di Pittsburgh hanno valutato l’associazione tra esposizione a lungo termine alla cannabis e fattori di rischio cardiometabolico in una coorte di 253 uomini. Hanno riferito che una maggiore esposizione alla marijuana era associata a un basso indice di massa corporea, a livelli più bassi di colesterolo e ad altri fattori di rischio. “L’uso di cannabis è associato a un BMI più basso e un BMI più basso è correlato a livelli più bassi di rischio su altri fattori di rischio cardiometabolico“, hanno concluso i ricercatori.

I risultati sono coerenti con quelli degli studi precedenti che concludono che l’esposizione alla cannabis è associata a un IMC più basso, a tassi più bassi di obesità, e a un minor numero di casi di diabete di tipo 2.

[Fonte NORML]