il Blog di Fuoriluogo.it

Droghe e Diritti

Sequestri cocaina: Narcoleaks “scomoda” la Casa Bianca

Narcoleaks, il progetto di Redattore Sociale che monitorizza la produzione di cocaina del mondo revisionando le stime ufficiali con i dati dei sequestri di sostanza nel mondo sotto la direzione scientifica di Sandro Donati, ha inviato nei giorni scorsi un comunicato in cui poneva alcune domanda sulle contraddizioni dei dati USA al Presidente Obama. Che a sorpresa, attraverso l’ufficio nazionale per le politiche antidroga, ha risposto.

Narcoleaks, il progetto di Redattore Sociale che monitorizza la produzione di cocaina del mondo revisionando le stime ufficiali con i dati dei sequestri di sostanza nel mondo sotto la direzione scientifica di Sandro Donati, ha inviato nei giorni scorsi un comunicato in cui poneva alcune domanda sulle contraddizioni dei dati USA al Presidente Obama. Che a sorpresa, attraverso l’ufficio nazionale per le politiche antidroga, ha risposto.

Ecco tutto il carteggio tra Narcoleaks e la Casa Bianca:

Le bugie di Obama sul traffico internazionale di cocaina
La cocaina sequestrata nel 2011 ha superato la stima della produzione mondiale fornita dal Dipartimento di Stato americano. Nonostante gli Usa dicano il contrario, la Colombia continua ad essere il maggior paese produttore e la stessa Guardia costiera statunitense smentisce clamorosamente i dati della Casa Bianca. Le cinque domande di Narcoleaks sulle imbarazzanti contraddizioni made in Usa sul narcotraffico.

I sequestri di cocaina superano le quantità prodotte? Non esattamente
La risposta di Terry Zobeck dell’Office of National Drug Control Policy della Casa Bianca (traduzione di Narcoleaks, vai all’originale).

Dall’Office of National Drug Control Policy risposte insufficienti e lacunose
Pubblichiamo la contro replica di Narcoleaks all’ufficio per le politiche di controllo sulle droghe della Casa Bianca.

mar, dicembre 13 2011 » Senza categoria | 3270 visite |

Lascia un commento