il Blog di Fuoriluogo.it

Droghe e Diritti

Kdrink, largo alla foglia!

Dopo mesi di campagna politica per eliminare dal mercato la Kdrink, dopo ripetute irruzioni e sequestri dei carabinieri, la bevanda con estratti di foglia di coca è stata assolta dalle analisi effettuate dall’Agenzia Regionale Ambiente e Salute del Lazio: il responso è negativo, la bibita risulta priva di cocaina.

Dopo mesi di campagna politica per eliminare dal mercato la Kdrink, dopo ripetute irruzioni e sequestri dei carabinieri, la bevanda con estratti di foglia di coca è stata assolta dalle analisi effettuate dall’Agenzia Regionale Ambiente e Salute del Lazio: il responso è negativo, la bibita risulta priva di cocaina. Come aveva (invano) sostenuto la piccola ditta produttrice, come avevano sempre confermato le analisi di routine regolarmente effettuate in passato. Da notare che il sequestro “cautelativo” dei carabinieri di Frosinone era avvenuto il 29 giugno 2010, ma il responso di assoluzione è arrivato ben 75 giorni dopo. Oltre due mesi e mezzo per avere i risultati di un test che richiede non più di tre o quattro giorni per essere effettuato.

La persecuzione contro la cosiddetta “bevanda diseducativa” (sic!) si è sgonfiata come una bolla di sapone, i “guerrieri” nostrani della droga che l’hanno capitanata hanno dimostrato di non conoscere neppure le Convenzioni internazionali proibizioniste (che consentono l’aromatizzazione con le foglie di coca); né che l’America della war on drugs è il maggior importatore di foglia di coca per aromatizzare la Coca Cola. Quanto alle solerti forze dell’ordine, pare che abbiano parecchio tempo da perdere dietro le ubbie di signorotti politici ignoranti ed arroganti, nel bel paese tristemente noto per mafia, camorra e n’drangheta. “E io pago”, avrebbe detto il cittadino Totò.

Largo alla foglia della Kdrink, ma stretta la via del buon senso e della tolleranza.

Sulla vicenda della Kdrink, leggi nella rubrica Fuoriluogo gli articoli di Giorgio Bignami (28 luglio) e Grazia Zuffa (4 agosto).

Gio, Ottobre 7 2010 » fuoriditesta | 3926 visite |

2 Responses

  1. Marco Vagnozzi Ottobre 8 2010 @ 15:53

    Assurdo che sia passato così tanto tempo per i test, ma forse ancor più assurda l’esagerata polemica creatasi attorno a questa bevanda. Di discutibile, però, c’è soprattutto il classico giochino pubblicitario per cui sbandierare la dicitura “bevanda alle foglie di coca” è un ottimo modo per attirare clienti, meglio se giovani. Così come discutibile è una certa cultura per la quale si deve vivere ricercando la performance ad ogni costo, sportiva e non solo; per cui, c’è l’energy drink che mette le ali a chi deve fare sport (mentre non si dice che contenendo taurina e caffeina incide non poco sull’attività cardiaca!), c’è la bevanda al guaranà per chi deve stare in forma e, in un senso ancor diverso, c’è l’alcolpop di turno per chi deve socializzare o stare in compagnia.. In tal senso il K-Drink non porta nulla di nuovo, certo, ma alimenta una certa cultura.

  2. Marco Vagnozzi Ottobre 8 2010 @ 15:57

    ne abbiamo discusso in passato sul blog Prevenzione 2.0 a questo link, http://prevenzionecsg.wordpress.com/2010/06/03/oltre-gli-energy-drink/ . Segnalo in particolare un interessante commento di un ragazzo su un possibile “effetto collaterale” del K-Drink.

    Vi invito a collaborare al blog in qualunque momento, mi farebbe davvero piacere.

4 Pings

  1. Kdrink, un esito scontato.. | Il blog di Franco Corleone Ottobre 7 2010 @ 10:31
  2. Via libera alla kdrink | fiore|blog Ottobre 7 2010 @ 11:03
  3. KDRINK, largo alla Foglia di Coca | OverGrow Ottobre 12 2010 @ 11:41
  4. La Canapa, l’efficienza energetica e il 55% (Firma anche tu!) | OverGrow Ottobre 18 2010 @ 08:57

Lascia un commento