il Blog di Fuoriluogo.it

Droghe e Diritti

Canapaio Ducale condannato. La catena di Solidarietà.

Luca Marola, titolare del Canapaio Ducale di piazzale Picelli a Parma è stato condannato in primo grado a 6 mesi e 300 euro di multa per istigazione all’uso di stupefacenti. La pena è sospesa e mentre gli avvocati stanno preparando l’appello è iniziata una catena di solidarietà con il Canapaio Ducale, da un lato per […]

Luca Marola, titolare del Canapaio Ducale di piazzale Picelli a Parma è stato condannato in primo grado a 6 mesi e 300 euro di multa per istigazione all’uso di stupefacenti. La pena è sospesa e mentre gli avvocati stanno preparando l’appello è iniziata una catena di solidarietà con il Canapaio Ducale, da un lato per sostenere le ingenti spese legali sostenute finora (3.000 euro) e che ancora dovranno essere sostenute per i ricorsi e gli appelli, dall’altro per opporsi alla repressione avviata in questi ultimi anni nei confronti dei consumatori di sostanze, ed in particolare dei consumatori di marijuana.

L’inchiesta sul negozio era partita circa un anno fa su iniziativa avviata dalla Procura di Ferrara che prese di mira numerosi canapai italiani e negozi di smart drugs. Di questi pochi vennero rinviati a giudizio e molta merce sequestrata fu restituita a seguito dei ricorsi vinti dai proprietari dei negozi. Il procedimento fu poi assegnato alle procure locali.

Già da subito dopo la sentenza “gli abitanti di piazzale Picelli – come racconta Marola a Repubblica Parma – mi stanno dimostrando tutto il loro affetto, non appena s’è sparsa la voce della condanna si sono fatti avanti per esprimermi vicinanza”. Preoccupato dall’abuso di caffeina Marola ha detto basta: “a quel punto molti hanno iniziato a riempire il salvadanaio per le spese legali, che da giorni tengo in negozio”. Appoggio a Marola è ovviamente giunto dai clienti, molti dei quali “sono 60enni che vengono da me – dice a Repubblica – per comperare semplicemente semi di peperoncino o di pomodori”. Anche su internet è iniziata la campagna di solidarietà: sono centinaia i messaggi di sostegno su facebook.

Mercoledì 27 gennaio dalle 23 al Circolo ARCI MALE Club di Alberi è stata organizzata una serata di solidarietà e raccolta fondi per le spese legali nel processo che vede coinvolto il Canapaio Ducale di Parma. E’ una delle prime iniziative di solidarietà a cui molti artisti hanno dato la loro adesione. Chi volesse esprimere vicinanza lo può fare lasciando un contributo nel salvadanaio in Piazza Picelli a Parma o acquistando a 10 euro la bandiera parmigiana antiproibizionista (nella foto).

A Luca Marola e al Canapaio Ducale va la solidarietà di Fuoriluogo e Forum Droghe. Da queste pagine lanciamo anche una catena di solidarietà, con le consuete modalità.
Istruzioni per aderire:

  1. Scrivete un post di solidarietà al Canapaio Ducale (o copiate questo post).
  2. Inserite come tag: canapaio ducale, luca marola, solidarietà (e quelli che vi vengono in mente)
  3. Linkate questo articolo e commentatelo segnalando la vostra adesione: https://www.fuoriluogo.it/blog/2010/01/22/canapaio-ducale-condannato-la-catena-di-solidarieta/
  4. Copiate e incollate queste istruzioni, compresa la lista dei blog qui sotto
  5. Hanno aderito: Fuoriluogo.it, Franco Corleone, Leonardo Fiorentini, Maurizio Baruffi, Verdi di Ferrara.

ven, gennaio 22 2010 » Agenda | 4246 visite |

7 Responses

  1. manuel - canapisa gennaio 22 2010 @ 14:05

    Solidarietà unanime dall’Osservatorio Antiproibizionista Toscano – Canapisa crew
    M

  2. hassan gennaio 23 2010 @ 22:27

    come già fatto personalmente a Luca rimarco mia solidarietà e sorpresa per una condanna che sa molto di caccia alle streghe, di censura cinese, assurda…

  3. gino gennaio 24 2010 @ 13:26

    penso che la paura di veder smentite antiche idee patriarcali e il calo
    della vendita di alcolici in italia,faccia piu’ paura della crisi in se….
    il governo una volta per tutte deve dichiarare con chi sta, con i cittadini o con le associazioni per cosi dire “per bene”
    che col Dio denaro e nel proibizionismo piu’ becero si sono arricchite
    un’abbraccio al Canapiaio e a tutti quelli che non stanno commettendo reato,ma soltando vivendo nel 2010….

  4. gino gennaio 24 2010 @ 13:27

    scusate volevo dire Canapaio

  5. enrico marzo 5 2010 @ 22:11

    massima solidarietà!! sperando che questo stato mafioso e ipocrita prima o poi si sgretoli sotto il peso della propria ignoranza!!

  6. marco aprile 17 2010 @ 09:17

    Tutte le leggi sul proibizionismo sono delle privazioni della liberta’ . Tutti noi siamo prigionieri . Parola d’ ordine : RIVOLUZIONE……………………………………………………………………………………………………………………………………………..

  7. stefano giugno 18 2010 @ 17:16

    roba da medioevo avercela così con una pianta cosa avrà fatto di così male? stanno rovinando migliaia di famiglie in nome di chissacosa giovani e vecchi sarebbe ora che tutte le forze sensibili in questo tema si riunissero e mettessero in atto qualsiasi tipo di protesta raccogliere firme per un referendum abrogativo sulla legge fini giovanardi firmata dal presidente della repubblica che non si sà bene che cosa rappresenti

4 Pings

  1. Solidarietà al Canapaio Ducale di Parma | Il blog di Franco Corleone gennaio 22 2010 @ 13:15
  2. Solidarietà al Canapaio Ducale | fiore|blog gennaio 22 2010 @ 13:16
  3. Verdi di Ferrara » Solidarietà al canapaio ducale di Parma gennaio 22 2010 @ 13:27
  4. Notizie dai blog su Solidarietà di Stato a un condannato giugno 19 2010 @ 07:17

Lascia un commento