il Blog di Fuoriluogo.it

Droghe e Diritti

Oggi l’udienza preliminare per il caso Bianzino

Riceviamo dal Comitato Verità per Aldo e pubblichiamo: Abbiamo conosciuto Roberta nei giorni successivi alla morte di Aldo, giorni drammatici, durissimi, di intense mobilitazioni. Abbiamo conosciuto la sua forza d’animo, la sua rabbia, la sua voglia di lottare e il suo desiderio di conoscere la verità. Una verità insabbiata, nascosta, che non riesce a venire […]

Riceviamo dal Comitato Verità per Aldo e pubblichiamo:

Abbiamo conosciuto Roberta nei giorni successivi alla morte di Aldo, giorni drammatici, durissimi, di intense mobilitazioni.
Abbiamo conosciuto la sua forza d’animo, la sua rabbia, la sua voglia di lottare e il suo desiderio di conoscere la verità.
Una verità insabbiata, nascosta, che non riesce a venire fuori.

Roberta se ne è andata nel silenzio, senza riuscire a conoscerla.

Roberta Radici è la compagna di Aldo Bianzino, il falegname morto misteriosamente nel carcere perugino di Capanne, la notte del 14 ottobre 2007. Aldo, insieme a Roberta, era finito in carcere con l’accusa di possedere e coltivare alcune piante di marijuana e dal quel luogo non è più uscito vivo.

Da allora, insieme a Roberta e suo figlio Rudra, insieme a Gioia (ex moglie di Aldo) e ai figli Elia e Aruna,  come “Comitato Verità per Aldo”, abbiamo organizzato manifestazioni, iniziative, presidi e volantinaggi affinché si facesse luce su questa vicenda.

Mercoledì 1 luglio alle ore 9.00 presso il Tribunale di Perugia si terrà l’udienza preliminare relativa alla richiesta di rinvio a giudizio della guardia carceraria in servizio durante quella notte, per il reato di omissione di soccorso.

Oggi che Roberta non c’è più, sentiamo, ancora più forte, l’esigenza di continuare a lottare insieme a Rudra, rimasto solo, e a tutti gli altri familiari. Continueremo  insieme.

PERCHE’ IN CARCERE PER UNA PIANTA D’ERBA NON SI DEVE FINIRE
PERCHE’ IN CARCERE NON SI PUO’ MORIRE

COMITATO VERITA’ PER ALDO

Aggiornamento:

L’udienza davanti al GIP (giudice indagini preliminari) è stata rinviata al 14-07-09 ore 8.45.

Comunque gli avvocati di parte lesa (famiglia Bianzino) hanno presentato documenti x il rifiuto della proposta di archiviazione per omicidio volontario contro ignoti. Ne sapremo di più alla prossima.

mer, luglio 1 2009 » Senza categoria | 1018 visite |

Lascia un commento