il Blog di Fuoriluogo.it

Droghe e Diritti

Droghe. Il governo batta un colpo!

Appello sulle politiche sulle droghe in Italia






Noi sottoscritti,
convinti che i tempi siano maturi per promuovere una riforma radicale delle leggi e politiche in materia di sostanze stupefacenti basata sulle evidenze scientifiche, le buone pratiche internazionalmente riconosciute e il buon senso:

chiediamo al Governo di nominare un responsabile per questioni relative alla droga e alle dipendenze che, tra le altre cose, ottemperi anche agli obblighi di legge convocando, con oltre quattro anni di ritardo, la VI Conferenza nazionale sulle sostanze stupefacenti;

chiediamo a Governo e Regioni, nel quadro dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il rilancio e la riorganizzazione dei servizi per le dipendenze con il coinvolgimento della società civile e degli utenti nella prospettiva della “riduzione del danno”, con politiche di intervento finalizzate al benessere di chi usa sostanze e alla prevenzione dei rischi connessi all’abuso e alla clandestinità dei consumi, all'analisi delle sostanze e verso la sperimentazione delle stanze del consumo e dei trattamenti con eroina;

chiediamo al Governo e alle amministrazioni regionali, considerando che i primi quantitativi di cannabis terapeutica preparati dallo Stabilimento farmaceutico militare di Firenze sono acquistabili in farmacia, di adeguare la produzione alla domanda effettiva e di dare ampia pubblicità alla prescrivibilità di tali prodotti per garantire il pieno godimento del diritto alla salute di migliaia di persone con le patologie più varie.

invitiamo il Governo, a oltre due mesi dal deposito della proposta di legge di iniziativa popolare per la regolamentazione legale della cannabis, a facilitare il percorso di discussione parlamentare delle numerose proposte di legge sulla cannabis (a partire da quella dell’intergruppo per la cannabis legale) e di revisione generale del Testo Unico sugli Stupefacenti (309/90);

chiediamo infine a Governo e Parlamento, in vista della tenuta della prossima sessione speciale dell'Assemblea generale dell'ONU sulle droghe, di dare piena attuazione agli impegni assunti nell'aprile 2016 al Palazzo di Vetro contenuti nel documento conclusivo della UNGASS.

Promotori
A Buon Diritto – Antigone - Associazione Luca Coscioni – CGIL - CILD (Coalizione Italiana Libertà e Diritti Civili) - CNCA (Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza) - Comunità di San Benedetto al Porto (Genova) - Forum Droghe – FP CGIL – ITARDD (Rete italiana per la Riduzione del Danno) - La Società della Ragione – LegacoopSociali – LILA – Possibile - Radicali Italiani

Leopoldo Grosso (presidente onorario Gruppo Abele) - Franco Corleone (Garante dei detenuti della Toscana) - Francesco Maisto (Presidente Emerito del Tribunale di Sorveglianza. Coordinatore del Tavolo sulla Sanità degli Stati Generali della Esecuzione Penale)

Nome e Cognome:

E-mail:

Associazione/Qualifica (non sara' pubblicato):

Non visualizzare il nome sul sito:

Leonardo Fiorentini, - Non pubblicato, - Non pubblicato, - Giulio Manfredi, - Chiara Cicala, - Ermes Zaccanti, - Pamela BERLINCIONI, - Giovanni Foresti, - Domenico Palumbo, - Piero Cane, - ATTILIO GRAZIANO PUOTI, - Non pubblicato, - Bruno Mellano, - sandro cirilli, - Domenico Brandelli, - CLAUDIO MINETTI, - Paolo Crocchiolo, - Anna Bigi, - Donatello Alunni Pierucci, - emanuela terzian, - Sergio Brunello, - Maurizio Borghi, - Alessandro Antonaroli, - Luca De Prato, - vito catussi, - cristina stella, - Non pubblicato, - Alessandra Naldi, - Giorgio Bignami, - Francesco Racchetti, già Garante dei Detenuti Comune di Sondrio, - Laura Supino, - Maria Di Benedetto, - Giovanni Savia, - Alessandro Esposito, - Gregorio Antonio Salis, - Caracciolo Vincenzo, - Lella Cosmaro, - clelio pulici, - Hassan Bassi, - Giacomo Franceschetti, - Arnaldo Pontis, - Michele Macelletti, - Simone Pastrolin, - Luciano Nigro, - Fabrizio Franchellucci, - Andrea Fallarini, - giuseppe savino, - riccardo fabbrini, - Nicola Catucci, - Graziano Sampò, - vincenzo memmola, -

[Cliccando su aderisci accetti che i tuoi dati siano utilizzati per il solo fine della registrazione della tua sottoscrizione alla presente petizione. I dati non saranno in alcun modo ceduti a terzi o utilizzati per altri fini se non strettamente legati all’aggiornamento rispetto alla presente mobilitazione.]

gio, febbraio 2 2017 » news | 404 visite |

Breaking the taboo

One Response

  1. giuseppe savino marzo 2 2017 @ 13:59

    ..per evitare altre tragedie come quella di Lavagna originata dall’ignoranza sul tema… legalizzare ha solo effetti positivi per la società…

Lascia un commento