il Blog di Fuoriluogo.it

Droghe e Diritti

USA: la maggioranza degli elettori favorevoli alla legalizzazione della Marijuana

Sondaggio Rasmussen: quasi il 60% degli elettori pensa che l’uso personale di marijuana non dovrebbe essere un reato penale, e il 56% ritiene che dovrebbe essere trattata come l’alcol.

Secondo il sondaggio pubblicato nei giorni scorsi, il 58 per cento degli intervistati ritiene che non dovrebbe essere un crimine “fumare marijuana” in privato. Solo il 32 per cento degli intervistati ritiene che tale attività dovrebbe rimanere illegale. Tra gli elettori Democratici, il 63 per cento è d’accordo sul fatto che l’uso personale di marijuana non debba essere trattato come un crimine, contro il 49 per cento dei repubblicani.

Una solida maggioranza degli intervistati, il 56 per cento, ha anche detto che vedono con favore la “legalizzazione della marijuana e una sua regolazione come quella di alcol o sigarette”  (solo il 34% contrari). Tra i maschi intervistati, il 61 per cento è favorevole alla legalizzazione contro il 52 per cento delle femmine. La maggioranza degli intervistati di ogni fascia di età è d’accordo con la legalizzazione della cannabis, fra questi il 50 per cento di quelli di oltre 65 anni. Tuttavia, tra gli intervistati con figli, solo il 49 per cento ha detto che è favorevole alla legalizzazione.

Il supporto alla legalizzazione della cannabis è salito al 57 per cento quando i sondaggisti hanno chiesto agli intervistati se erano favorevoli nel caso fosse previsto “la vendita in farmacia, il divieto di acquisto sotto i 18 anni, il divieto di uso in pubblico, e pene severe per la guida sotto l’influenza”. Il lieve guadagno è in gran parte dovuto ad un aumento del supporto degli intervistati con figli (che sono saliti dal 49 per cento al 58 per cento) e di elettori Repubblicani (dal 48 al 52 per cento). Il margine di errore di campionamento è di + / – 3 punti percentuali.

Commentando il sondaggio, Paul Armentano, vicedirettore di NORML,  ha detto:

“Questo sondaggio dimostra, ancora una volta, che la crescente frustrazione del pubblico contro la proibizione della marijuana e il loro desiderio di alternative basate sul mercato legale, supera i convenzionali confini ideologici e politici.”

Ha aggiunto:

“In generale, gli elettori di tutte le età e tutte le convinzioni ideologiche supportano una regolazione della cannabis al pari dell’alcool, e rifiutano la politica fallimentare di arrestare, perseguire e incarcerare i consumatori di marijuana consapevoli e adulti. I legislatori a livello statale e federale dovrebbe riconoscere questo cambiamento nell’opinione pubblica e rendersi conto che la legge di riforma sulla marijuana non è più visto dagli elettori come un problema politico, ma piuttosto come una opportunità politica “.

Nel 2011, un sondaggio Gallup a livello nazionale aveva sostenuto che il 50 per cento degli americani era favorevole a legalizzare l’uso di cannabis per gli adulti. Il 46% degli intervistati aveva detto che si sarebbe opposto alla proposta.

Più di recente, nell’aprile 2012, Rasmussen Reports ha pubblicato un sondaggio per il quale il 47 per cento degli adulti “ritengono che il paese dovrebbe legalizzare la marijuana e tassarla al fine di risolvere i problemi fiscali della nazione”. Il quarantadue per cento degli intervistati non era d’accordo, mentre il dieci per cento erano indecisi. (traduzione italiana a cura della redazione, da NORML)

ven, maggio 25 2012 » Senza categoria | 1093 visite |

One Response

  1. DROGA no grazie!!! giugno 1 2012 @ 17:08

    L’evoluzione del problema droga è sotto gli occhi di tutti e fare finta che esso non esista a prescindere dal proibizionismo è pura follia! Chi sostiene il contrario è in malafede.
    Il web, che di per sé è un mero strumento di comunicazione sociale, oggi è il mezzo più sicuro e subdolo per trasmettere la suggestione che tutto è sicuro e, pertanto, permesso. Attraverso di esso viaggia la democrazia, vero! Verissimo! ma anche la mala informazione, e la droga. Tanta droga, troppa droga!! e gli spedizionieri, in modo più o meno consapevole, la consegnano bella, ordinata, impacchettata, neutra, persino dignitosa quando è accompagnata da una bolla di consegna!!
    Nel privato delle nostre case si consuma e ci si compiace di consumare senza problemi, a prescindere dalle schifezze venefiche che vengono propinate dentro “preparati farmaceutici” che di curativo hanno solo il dimagrimento delle tasche degli allocchi che cadono nella rete di certo commercio on line, perpetrato da una miriade spaventosa di siti che vendono senza alcun tipo di controllo QUALSIASI tipo di sostanza.
    Sostenere con tanta impunibile ed esecrabile ostentazione che il difetto è in chi ne indica la pericolosità e non in chi loda la libertà del consumo e della vendita di questa congerie, ormai infinita, di sostanze, è indegno, ancorché criminale.
    Chi si affanna a fare il difensore di ufficio della legalità della droga, al di fuori di qualsiasi prescrizione medica o di controllo farmaco-tossicologico, rende un cattivo servizio alla SOCIETA’ civile, facendo credere soprattutto alle giovani ed inconsapevoli generazioni che la salute fisica e morale sia altrove, e che lo Stato non esista.
    Il FUTURO, nel bene o nel male, lo si delinea anche con i messaggi immorali e fuorvianti di certi predicatori da strapazzo!

Lascia un Commento